DIGITALE TERRESTRE

CANALE 18 - CANALE 111


Seguici su:

  

Cerca nel sito
 

ULTIME NEWS:     LORSICA, OPERAIO SCHIACCIATO DA MACCHINARIO ALL'INTERNO DELLA CAVA PONTE MAESTRA         PONTE MORANDI, BUCCI: "PENSO FAREMO TUTTO IL 27"         ALBISOLA, POLIZIA SPARA IN ARIA PER FERMARE PUSHER         EX NIRA, EDIFICIO ABBATTUTO ENTRO DUE SETTIMANE         PONTE MORANDI, ESPLOSIONE PILE 10 E 11: 300 METRI DI "ZONA ROSSA" E 3.170 RESIDENTI EVACUATI         PONTE MORANDI, ESPLOSIONE PILE 10 E 11: BOTTA E RISPOSTA TRA I MINISTRI COSTA E SALVINI         CARDINAL BAGNASCO: "SUL LAVORO SERVONO DECISIONI ARDITE"         SESTRI PONENTE, DICIOTTENNE ACCOLTELLA TRE VOLTE IL PADRE: DENUNCIATA A PIEDE LIBERO E SCARCERATA NELLA NOTTE         GENOVA, CANDIDATURA EXPO: PER TOTI E BUCCI ESISTONO LE PREMESSE         FORZA ITALIA, BIASOTTI A BERLUSCONI: "SERVE UN CAMBIAMENTO RADICALE"        


Omicidio panificio a Genova, chiesti 16 anni di carcere per il titolare

Pubblicato il 8 / 11 / 2017

Il pubblico ministero Elena Schiavetta ha chiesto la condanna a 16 anni di carcere per Ezyon Veizay, il titolare di un panificio nel centro di Genova, che lo scorso 5 gennaio uccise il suo dipendente Amadi Diallo, ivoriano di 25 anni , dopo un litigio per l’aumento dello stipendio.

Il legale dell'uomo ha chiesto l’assoluzione perché vi sarebbe un parziale vizio di mente e nel merito di valutare la possibilità che l’uomo abbia agito in base a una percezione soggettiva di essere in attuale pericolo di vita. Richiesta che sarà analizzata, il gup Massimo Cusatti ha rinviato al prossimo 14 dicembre per la sentenza.

La vittima voleva 100 euro in più di stipendio e con l’inizio dell’anno aveva iniziato a pressare il suo datore di lavoro. Fino alla mattina del 5 gennaio, quando la discussione è degenerata e Veizay ha colpito Diallo prima con un coltello e poi con un cacciavite.


IN DIRETTA STREAMING











ULTIMI VIDEO CARICATI

RIGUARDO A NOI
© TELEGENOVA PRODUCTION SRL - VIA ANTON MARIA MARAGLIANO 1/7 - 16100 GENOVA P.IVA 02315240990
Contattaci: info@telegenova.net - Disclaimer