DIGITALE TERRESTRE

CANALE 18 - CANALE 111


Seguici su:

  

Cerca nel sito
 

ULTIME NEWS:     GENOA - TORINO, CONTESTAZIONE ANNUNCIATA         IL SOTTOSEGRETARIO GENOVESE DELLA LEGA ARMANDO SIRI INDAGATO PER CORRUZIONE         GENOA, RIENTRA STURARO MA I TIFOSI DISERTANO         LE ACCUSE A CASSANO, RESISTENZA A PUBBLICO UFFICIALE         PONTE MORANDI, PARTITA LA RICOSTRUZIONE, AL VIA LO SMONTAGGIO DELLA PILA 5         PIAGGIO AEROSPACE: 504 LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE DAL 2 MAGGIO         FUTURO DELL'EX MOODY, SI TRATTA CON IL GRUPPO HI FOOD         CAMPO LIGURE, QUESTA SERA IL RICORDO DI DON GALLO         IMPERIA, ARRESTATA PRESIDE: USAVA AUTO DELLA SCUOLA PER VIAGGI PERSONALI         SMONTAGGIO PILA 5 MORANDI, SI PARTE QUEST'OGGI        


Genova, la Lega Nord: "Vietare il velo islamico in pubblico"

Pubblicato il 17 / 11 / 2017

Il velo islamico nei luoghi pubblici? A Genova potrebbe essere vietato. È la proposta della capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale Lorella Fontana.

“E’ mia intenzione proporre al Consiglio comunale di Genova un provvedimento simile a quello già adottato da Regione Lombardia e Regione Liguria per vietare l’uso di burqa, niqab ed altri indumenti atti a rendere irriconoscibile una persona negli uffici e locali pubblici del nostro Comune.
Un’iniziativa del genere è già stata portata avanti dai colleghi del Comune della Spezia. A Genova non possiamo restare indietro, anche perché si tratta di una scelta di buon senso ad esclusiva tutela del vivere civile, del personale e degli utenti.
Polemiche sulla sottomissione delle donne islamiche a parte, noi vogliamo dare voce a una sempre crescente necessità di sicurezza anche con questo tipo di azioni. La libertà religiosa è un diritto, ma in casi estremi i valori democratici e l’ordine pubblico devono prevalere perché si tratta di interessi universali.
Peraltro, ricordo che nel 2014 la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha stabilito che il divieto generale di uso del velo islamico integrale in luoghi pubblici, previsto da una legge francese del 2010, non viola la Convenzione Europea sui diritti umani in quanto tale norma rientra nei poteri di ogni Stato per garantire le condizioni necessarie affinché le persone possano ‘vivere insieme’ nella loro diversità”  ha scritto Fontana. 


IN DIRETTA STREAMING











ULTIMI VIDEO CARICATI

RIGUARDO A NOI
© TELEGENOVA PRODUCTION SRL - VIA ANTON MARIA MARAGLIANO 1/7 - 16100 GENOVA P.IVA 02315240990
Contattaci: info@telegenova.net - Disclaimer