DIGITALE TERRESTRE

CANALE 18 - CANALE 111


Seguici su:

  

Cerca nel sito
 

ULTIME NEWS:     PONTE MORANDI, SI AGGRAVA LA POSIZIONE DI AUTOSTRADE         MAXI OPERAZIONE ANTIDROGA DEI CARABINIERI DI GENOVA         SAMPDORIA, PAREGGIO SENZA VAR         PAURA A ORCO FEGLINO, MAXI INCENDIO NELLA NOTTE         INCHIESTA CROLLO MORANDI, "NESSUNO SAPEVA CHI DOVESSE CONTROLLARE IL PONTE"         GENOVA, VIA SIFFREDI: MONTATA RAMPA CHE PORTA A GENOVA AEROPORTO         CROLLO MORANDI, ALTRI 40 NOMI NEL MIRINO DEI PM         TOTI: "DEMOLIZIONE AD ASPI? SE SI FA PRIMA S"         ILVA DI CORNIGLIANO, CONVOCATO NUOVO TAVOLO A ROMA PER I 474 ESUBERI                


Due rapine con coltello. Arrestato ecuadoriano di 21 anni

Pubblicato il 1 / 12 / 2017

Ieri sera in Via Sapello un uomo incappucciato ed armato di coltello, ha tentato di rapinare una donna. Le urla di aiuto dell’amica di questa lo hanno però costretto  ad allontanarsi. Alcuni minuti dopo è arrivata al notizia di un altro tentativo di rapina, sempre ai danni di una donna, commessa in Via Sabotino da un soggetto corrispondente nella descrizione a quello di Via Sapello. Anche in questo caso la rapina non era andata a segno per la prontezza della vittima, che era riuscita a fuggire.

Immaginando che l’autore delle rapine potesse essersi defilato per vie interne, i poliziotti hanno imboccato Via Opisso, individuando una persona che stava camminando lungo un tratto di strada poco illuminata e che, alla vista della pantera, ha lasciato cadere un qualcosa in una vicina aiuola. Immediatamente gli agenti hanno fermato l’uomo e hanno recuperato quanto fatto cadere, un grosso coltello da cucina, posto sotto sequestro.

La persona fermata è stata identificata come un 21enne ecuadoriano, a carico del quale sono emersi numerosi precedenti per reati contro il patrimonio nonché la misura di prevenzione dell’avviso orale del Questore. Il giovane, corrispondente alla descrizione del rapinatore, ha tentato di giustificare la propria presenza affermando di essere andato a trovare una zia a Pra’ e di dover rincasare in autobus.

Condotto in questura per i rilievi fotodattiloscopici, la sua foto, inserita in albi fotografici appositamente predisposti, è stata riconosciuta da vittime e testimoni delle rapine. Per questo motivo è stato arrestato e tradotto al carcere di Marassi, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


IN DIRETTA STREAMING











ULTIMI VIDEO CARICATI

RIGUARDO A NOI
© TELEGENOVA PRODUCTION SRL - VIA ANTON MARIA MARAGLIANO 1/7 - 16100 GENOVA P.IVA 02315240990
Contattaci: info@telegenova.net - Disclaimer