DIGITALE TERRESTRE

CANALE 18 - CANALE 111


Seguici su:

  

Cerca nel sito
 

ULTIME NEWS:     DEMOLIZIONE MORANDI, ESPLOSIONE ANTICIPATA ALLE 9: AMIANTO E AFA GLI OSSERVATI SPECIALI         GENOVA, BUS A FUOCO IN CORSO EUROPA: AUTISTA TRASPORTATO AL SAN MARTINO PER INALAZIONE FUMO         GIOCHI OLIMPICI 2026, CONTE INDOSSA CRAVATTA CON SIMBOLO DEL PONTE DI GENOVA         SUA FESTIVAL 2019, OLTRE 70.000 I VISITATORI         BANCA CARIGE: FITD VALUTA INTERVENTO         CALDO E UMIDITà, SCATTA IL PRIMO BOLLETTINO PER CALDO         TOTI SU PONTE GENOVA: "SETTIMANA DI BUON ESEMPIO PER LA POLITICA"         LORSICA, OPERAIO SCHIACCIATO DA MACCHINARIO ALL'INTERNO DELLA CAVA PONTE MAESTRA         PONTE MORANDI, BUCCI: "PENSO FAREMO TUTTO IL 27"         ALBISOLA, POLIZIA SPARA IN ARIA PER FERMARE PUSHER        


Arrestato con 500mila euro in porto, ipotesi money transfer clandestino

Pubblicato il 3 / 1 / 2018

Si è presentato in porto con un carico di 500 mila euro in banconote, nascoste all'interno di un furgone. Protagonista dell'episodio un marocchino di 47 anni in procinto di imbarcarsi per Tangeri dal porto di Genova. L'uomo, fermato dalla polizia, ha negato inizialmente di trasportare soldi o droga. Gli agenti, però, si sono insospettiti osservando una cassa di un vecchio stereo in mezzo ad altre cianfrusaglie. L'oggetto è risultato eccessivamente pesante e così i poliziotti hanno deciso di romperlo. All'interno c'era 200 mila euro in contanti stretti da una fascetta. Altri 200 mila sono stati ritrovati nell'altra cassa acustica. Un controllo più approfondito all'interno del furgone ha permesso di scovare altri 100 mila euro nel cruscotto al posto dell'airbag del passeggero, un anscondiglio ricavato grazie a una modifica alla carrozzeria del veicolo e intercettato grazie all'intervento dei pompieri con la fiamma ossidrica. Il controllo è avvenuto grazie alle indagini della polizia di frontiera che ipotizzavano un trasporto di soldi e droga, di cui però non si è trovata nessuna traccia. Il marocchino finito in manette si è rifiutato di parlare davanti ai poliziotti. I soldi erano divisi in tre parti all'interno del furgone con fascette divisorie e con sopra scritti alcuni nomi arabi, probabilmente dei destinatari dei soldi. Gli agenti non scartano l'ipotesi di un passaggio di soldi gestito da un money transfer clandestino, attività illegali molto utilizzate dai migranti per inviare soldi guadagnati in modo illecito. Le indagini proseguono con l'analisi dei 20 telefonini e di alcuni pc ritrovati sul furgone.

Replica Rolex replicas de relojes iwc replica orologi


IN DIRETTA STREAMING











ULTIMI VIDEO CARICATI

RIGUARDO A NOI
© TELEGENOVA PRODUCTION SRL - VIA ANTON MARIA MARAGLIANO 1/7 - 16100 GENOVA P.IVA 02315240990
Contattaci: info@telegenova.net - Disclaimer