DIGITALE TERRESTRE

CANALE 18 - CANALE 111


Seguici su:

  

Cerca nel sito
 

ULTIME NEWS:     BANCA CARIGE: 2 SETTIMANE PER ESAME FITD         NUOVO PONTE, TONINELLI: "IMPEGNATO 1 MILIARDO A GENOVA"         OMICIDIO CHIAVARI: ARRESTATO IL FIDANZATO DELL'AMANTE DI PINO         DEMOLIZIONE MORANDI, ESPLOSIONE ANTICIPATA ALLE 9: AMIANTO E AFA GLI OSSERVATI SPECIALI         GENOVA, BUS A FUOCO IN CORSO EUROPA: AUTISTA TRASPORTATO AL SAN MARTINO PER INALAZIONE FUMO         GIOCHI OLIMPICI 2026, CONTE INDOSSA CRAVATTA CON SIMBOLO DEL PONTE DI GENOVA         SUA FESTIVAL 2019, OLTRE 70.000 I VISITATORI         BANCA CARIGE: FITD VALUTA INTERVENTO         CALDO E UMIDITà, SCATTA IL PRIMO BOLLETTINO PER CALDO         TOTI SU PONTE GENOVA: "SETTIMANA DI BUON ESEMPIO PER LA POLITICA"        


Genova, fermati due pericolosi rapinatori

Pubblicato il 18 / 1 / 2018

La Polizia di Stato di Genova ha tratto in arresto per i reati di concorso in rapina aggravata e lesioni, un 30enne pregiudicato per droga ed il suo complice, 50enne incensurato, entrambi genovesi.

I due uomini sono stati i protagonisti di due violente rapine, commesse rispettivamente nelle serate del 23 novembre e del 30 dicembre scorsi. Nella prima occasione il giovane pregiudicato, utilizzando il casco integrale e lo scooter, ha fatto irruzione in un supermercato di San Teodoro, brandendo una pistola. Il malvivente, con inaudita quanto immotivata violenza, ha colpito alla testa il cassiere e si è fatto consegnare l’incasso di circa 1200 euro in contanti, per poi darsi alla fuga dopo aver minacciato con l’arma un altro dipendente dell’esercizio commerciale.

Nella seconda occasione il 30enne, agendo da solo, ha messo a segno un ulteriore colpo, con le medesime modalità, all’interno di una tabaccheria del centro. In particolare, dopo aver colpito al capo il titolare con il calcio della pistola, provocandogli lesioni, si è impossessato di circa 900 euro in contanti, 10 stecche di sigarette, diversi abbonamenti e titoli di viaggio AMT.

Le indagini, immediatamente avviate dalla Sezione Criminalità Diffusa della Squadra Mobile e coordinate dalla locale Procura della Repubblica, hanno preso avvio da un’accurata analisi degli spostamenti effettuati dallo scooter utilizzato per commettere la prima rapina. Fondamentale si è rivelato inoltre il contributo delle vittime e l’analisi delle immagini estrapolate dagli impianti di video-sorveglianza.

Al termine degli atti di rito, il rapinatore è stato associato in regime di custodia cautelare presso il carcere di Marassi, mentre il complice è stato sottoposto agli arresti domiciliari.


IN DIRETTA STREAMING











ULTIMI VIDEO CARICATI

RIGUARDO A NOI
© TELEGENOVA PRODUCTION SRL - VIA ANTON MARIA MARAGLIANO 1/7 - 16100 GENOVA P.IVA 02315240990
Contattaci: info@telegenova.net - Disclaimer