DIGITALE TERRESTRE

CANALE 18 - CANALE 111


Seguici su:

  

Cerca nel sito
 

ULTIME NEWS:     RICOSTRUZIONE PONTE: BUCCI HA FATTO LA SCELTA         UN NUOVO NUMERO UNO PER IL GENOA?         LIGURIA, ECCO LE PRIME NEVICATE         PONTE MORANDI, SI STRINGE IL CERCHIO SUL PROCESSO PROBATORIO         INCIDENTE SULLA TRATTA GENOVA-DUSSELDORF, UNA VITTIMA E TRE FERITI GRAVI         DEMOLIZIONE PONTE, SI USERANNO LE GRU CHE SONO STATE USATE PER LA CONCORDIA         GENOA: SCONFITTA CON POLEMICHE ALL'OLIMPICO         SAMPDORIA: VITTORIA PER 2-0 IN CASA         BUCCI RASSICURA SUL FRONTE DEMOLIZIONE MORANDI         DEMOLIZIONE PONTE MORANDI, IL PROGETTO C' MA SI ALLUNGANO I TEMPI        


Palazzo Ducale, Bucci e Bizzarri presentano la nuova stagione

Pubblicato il 6 / 2 / 2018

 

«Abbiamo investito sull’aspetto culturale della città che, insieme agli investimenti per favorire l’occupazione, è quello che ci consentirà di far tornare Genova grande - così il Sindaco di Genova Marco Bucci alla presentazione, martedì 6 febbraio, del programma di Palazzo Ducale per il 2018 - il significato della Fondazione Palazzo Ducale e della sua operatività è grande: il passato è ottimo, direi anche glorioso, e noi abbiamo intenzione di mantenere e incrementare questo livello, anche in altre direzioni e con uno spettro più ampio. Voglio dire a tutti, genovesi e turisti, che l’aspetto culturale è fondamentale per la nostra città e che non si fa progresso se non si fa cultura».

Tra i punti di forza della programmazione di Palazzo Ducale, la conferma del festival La Storia in Piazza, quest’anno giunto alla sua nona edizione, dal 12 al 15 aprile, curato da Luciano Canfora e Franco Cardini. Una nuova veste che prevede, oltre alle lectio magistralis, anche dialoghi e interviste per il festival di Storia più importante d’Italia, giunto alla sua nona edizione.

«La Storia in Piazza è ormai una tradizione forte – ha detto il Presidente di Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura Luca Bizzarri nell’introdurre Luciano Canfora -  il festival quest’anno ha nuovi curatori, ma è un esempio di quella che io chiamo novità nella continuità». Il presidente di Palazzo Ducale ha ricordato il successo della mostra di Rubaldo Merello che «si è chiusa domenica con 22 mila visitatori, un risultato importante di cui essere fieri e una conferma della validità delle mostre auto-prodotte. E proprio da un’idea di Maria Fontana, che presiede l’Ufficio Didattica del Ducale, nasce la mostra su Paganini che inaugurerà a novembre nell’Appartamento del Doge». Una mostra per far conoscere ai giovani “un Paganini anche rock”, come lo definisce Bizzarri, che avrà tra i curatori, insieme a Roberto Grisley e Raffaele Mellace, anche il cantautore Ivano Fossati.

Tra le novità del programma presentato dal presidente Luca Bizzarri, il ciclo dal titolo Città di Mare, a cura di Claudio Magris e Margherita Rubino: nove incontri con scrittori e artisti  che racconteranno il loro rapporto con il mare delle città in cui sono nati: Renzo Piano dialogherà con Maurizio Maggiani su come il mare di Genova abbia influenzato il suo lavoro, lo scrittore Gianrico Carofiglio ci porterà nella sua Bari e a Marsiglia; ma anche di altri mari, diversi dal Mediterraneo, si parlerà con Catherine Dunne e Erik Fosnes Hansen. Il primo incontro, il 20 marzo, sarà con Claudio Magris e la sua Trieste. Il ciclo proseguirà fino al 5 giugno.

A un genovese che il 29 novembre del 2018 avrebbe compiuto 90 anni, è dedicato “Dove eravamo rimasti?”, un ciclo di incontri e una mostra in collaborazione con Teche Rai, per ricordare la vicenda di cui fu vittima Enzo Tortora, ma anche, e forse soprattutto, la personalità culturale di colui che fu l’inventore di format televisivi innovativi allora e ancora attualissimi.

Sarà “un felice ritorno” – così Bizzarri – quello di Nando Dalla Chiesa che curerà “Storie di giustizia e ingiustizia”, sempre nell’autunno 2018.

Si chiuderà con un sorriso il 2018 del Ducale, con la Letteratura comica del Novecento, ciclo curato dallo stesso Luca Bizzarri e da Tullio Solenghi per mettere in luce come anche con i libri si possa ridere e quanto questo sia successo nel secolo scorso, in percorso che va dal periodo tra le due guerre con le opere di autori come Campanile, Marchesi e Guareschi, per arrivare fino all’apertura alla comicità femminile della seconda metà del secolo, con Franca Rame e Franca Valeri, passando per Paolo Villaggio e Woody Allen. Si riderà con letture scelte da parte di artisti comici e no.


Genova
IN DIRETTA STREAMING











ULTIMI VIDEO CARICATI

RIGUARDO A NOI
© TELEGENOVA PRODUCTION SRL - VIA ANTON MARIA MARAGLIANO 1/7 - 16100 GENOVA P.IVA 02315240990
Contattaci: info@telegenova.net - Disclaimer