DIGITALE TERRESTRE

CANALE 18 - CANALE 111


Seguici su:

  

Cerca nel sito
 

ULTIME NEWS:     PONTE MORANDI, ESPLOSIONE PILE 10 E 11: 300 METRI DI "ZONA ROSSA" E 3.170 RESIDENTI EVACUATI         PONTE MORANDI, ESPLOSIONE PILE 10 E 11: BOTTA E RISPOSTA TRA I MINISTRI COSTA E SALVINI         CARDINAL BAGNASCO: "SUL LAVORO SERVONO DECISIONI ARDITE"         SESTRI PONENTE, DICIOTTENNE ACCOLTELLA TRE VOLTE IL PADRE: DENUNCIATA A PIEDE LIBERO E SCARCERATA NELLA NOTTE         GENOVA, CANDIDATURA EXPO: PER TOTI E BUCCI ESISTONO LE PREMESSE         FORZA ITALIA, BIASOTTI A BERLUSCONI: "SERVE UN CAMBIAMENTO RADICALE"         PONTE MORANDI, SI ALLARGA IL RAGGIO DI INTERDIZIONE PER ESPLOSIONE PILE 10 E 11         GENOVA STAGLIENO, MUORE MOTOCICLISTA DI 47 ANNI         COMUNE DI GENOVA, UBALDO SANTI ESTROMESSO DA FRATELLI D'ITALIA         CURIA, ANNULLATE LE PREGHIERE RIPARATORIE "CONTRO" IL GAY PRIDE        


Banca Carige, inchiesta per abuso di mercato

Pubblicato il 24 / 7 / 2018

Genova. Banca Carige non trova pace, in un'estate calda e non a causa delle alte temperature. Ieri mattina infatti la Guardia di Finanza si è presentata nella sede centrale della direzione per notificare un atto della procura, aperta d'ufficio dopo scambi di bordate nei cda e a mezza stampa.

La richiesta della procura è chiara: l'acquisizione di documentazione relativa alle sedute del consiglio di amministrazione e delle assemblee degli azionisti svoltisi dal gennaio 2017 ad oggi, ma anche alle letture ricevute dagli organi di vigilanza della Bce nello stesso biennio.

L'ipotesi di reato, per adesso aperta verso ignoti, è quella di abuso di mercato con lo scopo di capire se alcune dichiarazioni siano state differenti nella sostanza o strumentali, potenzialmente a discapito di titolo, risparmiatori e piccoli azionisti. Le contestazioni potrebbero definirsi in modo più preciso nelle prossime settimane.

Due, ad oggi, i filoni investigativi aperti: il primo è la trasmissione dai pm di Roma a quelli di Genova dello stralcio della maxi inchiesta romana in cui il costruttore Luca Parnasi chiede all’ad di Carige Paolo Fiorentino di affidare una consulenza di comodo all’avvocato Luca Lanzalone. Il favore, ha sempre sottolineato Fiorentino non è mai stato concesso. Il procuratore aggiunto Francesco Pinto e il pm Marcello Maresca vogliono comunque approfondire questo episodio, considerato anche il breve periodo intercorso fra la telefonata e gli arresti di Parnasi e Lanzalone.

Il secondo punto riguarda invece la recente dichiarazione dell'azionista di maggioranza Vittorio Malacalza che, dopo aver annunciato le sue dimissioni dal cda per i contrasti di natura finanziaria ed etica con Fiorentino, pochi giorni fa ha dichiarato di aver incaricato l’avvocato Sandro Vaccaro di valutare eventuali profili penali nell’operato di Fiorentino.

La procura ha chiesto tutti i verbali dei consigli di amministrazione e i file audio delle registrazioni, sarà fondamentale adesso verificare la rispondenza della pagina scritta a quanto contenuto nei file.

Giorni caldi quindi per il futuro di Banca Carige.


IN DIRETTA STREAMING











ULTIMI VIDEO CARICATI

RIGUARDO A NOI
© TELEGENOVA PRODUCTION SRL - VIA ANTON MARIA MARAGLIANO 1/7 - 16100 GENOVA P.IVA 02315240990
Contattaci: info@telegenova.net - Disclaimer