DIGITALE TERRESTRE

CANALE 18 - CANALE 111


Seguici su:

  

Cerca nel sito
 

ULTIME NEWS:     FIRMA MEMORANDUM ITALIA-CINA, I RISVOLTI PER IL PORTO DI GENOVA         "UN WEEKEND ESTIVO" CON CODE DA VERO CONTROESODO         METEO, DA LUNED SI RIAFFACCIA L'INVERNO: PIOGGIA E TEMPERATURE IN CALO         VALBORMIDA, DUE INCENDI BOSCHIVI NELLA GIORNATA DI IERI         IMPERIA, FURGONE RUBATO IN FUGA: POLIZIA SPARA E LO BLOCCA         RIAPERTURA STRADA PORTOFINO, MAHMOOD E TANTI ALTRI ALL'INAUGURAZIONE DI SABATO 6 APRILE         CESSIONE SAMP, SETTIMANA DECISIVA         SCIOPERO ALITALIA, DISAGI ANCHE A GENOVA         SPEDIPORTO, IL 29 L'ASSEMBLEA GENERALE AL GRIDO DI "WE BRIDGE THE WORLD"         VIAREGGIO CUP, PER IL GENOA FINALE        


Demolizione ponte Morandi, proseguono i lavori. Da Roma potrebbero arrivare indennizzi

Pubblicato il 11 / 3 / 2019

Genova. Quella che si apre oggi potrebbe essere un'altra settimana decisiva per il futuro del viadotto Morandi e per quello degli abitanti intorno al cantiere. Dopo il mancato nulla osta della prefettura per l'abbattimento con uso di esplosivi per la pila 8 che si sarebbe dovuto consumare sabato scorso, nella giornata di oggi potrebbero già arrivare novità sul ponte da parte del ministro Toninelli.

Pare che da Roma partirebbero, ma è d'obbligo l'uso del condizionale, dei finanziamenti volti ad indennizzare, per chi lo desidera, l'allontanamento dalle proprie abitazioni per tutta la durata dei lavori. 300 più o meno le famiglie interessate.

“Ci sono le risorse finanziarie appostate ma dobbiamo trovare solo una formula per liberare questi soldi e rendere possibile una serie di aiuti per questa parte di popolazione”, sono state le parole del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Un segnale positivo per il Comitato che dal 14 agosto si sta battendo affinché venga assicurata, in primis, la salute dei cittadini e degli abitanti che vivono ai confini della zona rossa.

Sul fronte lavori adesso resta da capire come si procederà allo smantellamento di quel che resta del viadotto, l'uso di esplosivi per la torre 8, messo in stand-by dopo l'ultimo incontro in prefettura, potrebbe andare in scena sabato prossimo, il 16, nonostante i timori e la preoccupazione per la presenza di amianto nel cemento armato. Come si procederà, quindi, probabilmente lo scopriremo solo nei prossimi giorni.

Detto ciò, nonostante lo stop parziale sulla tabella di marcia, il consorzio di imprese impegnate nella demolizione sta andando avanti comunque con lo smantellamento.

L'ATI dei demolitori prosegue con le operazioni di preparazione per l'abbassamento del quarto impalcato tampone a ponente, nel frattempo continua anche la demolizione dei capannoni industriali, mentre a levante si procede con il montaggio delle sei torri di sostegno dell'impalcato delle pile 10 e 11. in queste ore inoltre sono in corso le bonifiche da ordigni bellici nell'area sottostante la torre 10 e le bonifiche all'interno delle cantine e delle parti comuni negli edifici di via Porro e via Fillak.

Sul fronte indagini in queste ore la Gdf sta notificando gli avvisi di garanzia per i nuovi indagati per il crollo di ponte Morandi che il 14 agosto scorso

costò la vita a 43 persone.


IN DIRETTA STREAMING











ULTIMI VIDEO CARICATI

RIGUARDO A NOI
© TELEGENOVA PRODUCTION SRL - VIA ANTON MARIA MARAGLIANO 1/7 - 16100 GENOVA P.IVA 02315240990
Contattaci: info@telegenova.net - Disclaimer