DIGITALE TERRESTRE

CANALE 18 - CANALE 111


Seguici su:

  

Cerca nel sito
 

ULTIME NEWS:     FORZA ITALIA, BIASOTTI A BERLUSCONI: "SERVE UN CAMBIAMENTO RADICALE"         PONTE MORANDI, SI ALLARGA IL RAGGIO DI INTERDIZIONE PER ESPLOSIONE PILE 10 E 11         GENOVA STAGLIENO, MUORE MOTOCICLISTA DI 47 ANNI         COMUNE DI GENOVA, UBALDO SANTI ESTROMESSO DA FRATELLI D'ITALIA         CURIA, ANNULLATE LE PREGHIERE RIPARATORIE "CONTRO" IL GAY PRIDE         "TANTE DOMANDE E TANTE RISPOSTE": ASSEMBLEA PUBBLICA GIOVEDž 13 ALLE 21 ALLA SCUOLA CAFFARO         PONTE MORANDI, SETTIMANA DECISIVA PER L'ESPLOSIONE DELLE PILE 10 E 11         GENOVA, VIA BUOZZI: MALORE ALLA GUIDA, CONDUCENTE MUORE IN AUTO         PORTO DI GENOVA, GDF: SEQUESTRATI FARMACI FALSI PER BAMBINI         AEROPORTO C. COLOMBO, ATTIMI DI PAURA PER GABBIANO NEL MOTORE: VOLO GENOVA-ROMA CANCELLATO        


Ponte Morandi, partita la ricostruzione, al via lo smontaggio della pila 5

Pubblicato il 16 / 4 / 2019

Genova. Se da una parte si procede allo smontaggio della pila 5, rallentato a causa del forte vento di questi giorni, dall'altra si è acceso lo start per la ricostruzione, partita ufficialmente ieri. Sono cominciati con la posa del palo per la pila 6. lo ha reso noto PerGenova joint venture, costituita da Fincantieri con Salini-Impregilo, a cui è affidata la progettazione e la realizzazione dell'opera. Il palo verrà trivellato fino a 46 metri e sarà il primo degli undici che sosterranno il basamento della pila 6.

Sarà questa la prima parte dell'opera che darà solidità al nuovo viadotto. La fase di costruzione è stata avviata in seguito alle attività propedeutiche iniziate nelle scorse settimane e arriva pochi giorni dopo gli esercizi di stress del palo-prova.

“Siamo pronti a metterci al lavoro con i nostri tecnici per la costruzione vera e propria - afferma Alberto Maestrini, presidente di PerGenova - Ogni operazione verrà realizzata da squadre altamente specializzate, secondo tempistiche ottimizzate per poter restituire ai cittadini e al Paese il prima possibile un’infrastruttura così essenziale”.

Sul fronte demolizione invece, vanno a rilento i lavori per l'abbattimento della pila 5, la prima da portare a terra. Le operazioni che dovevano iniziare domenica sono state rinviate a ieri mattina ma a causa del vento dovrebbero partire quest'oggi, d'obbligo l'uso del condizionale. Per intervenire, il vento dovrebbe scendere sotto gli 11 nodi.

Si procederà in questo modo: prima di tutto il taglio dell'impalcato in tre sezioni, che sarà poi portato a terra. Successivamente comincerà la recisione dei piloni di supporto. Per lo smontaggio completo della pila serviranno da 10 a 15 giorni.

Nonostante gli ostacoli anche metereologici, il sindaco e commissario Marco Bucci non ha dubbi: “A oggi sono convinto che riusciremo a farcela, potremo rispettare i tempi che ci siamo prefissati e quindi rendere il nuovo ponte percorribile il 15 aprile 2020”.

Sul fronte indagini si va avanti e al momento non c'è nulla che possa bloccare il secondo incidente probatorio sul Morandi che dovrà stabilire le cause o le concause che il 14 agosto scorso hanno provocato la morte di 43 persone.

Appuntamento quindi al prossimo 2 maggio, giorno di inizio del secondo incidente probatorio.


IN DIRETTA STREAMING











ULTIMI VIDEO CARICATI

RIGUARDO A NOI
© TELEGENOVA PRODUCTION SRL - VIA ANTON MARIA MARAGLIANO 1/7 - 16100 GENOVA P.IVA 02315240990
Contattaci: info@telegenova.net - Disclaimer