DIGITALE TERRESTRE

CANALE 18 - CANALE 111


Seguici su:

  

Cerca nel sito
 

ULTIME NEWS:     RAPALLO, MUORE A 51 ANNI SCHIACCIATO DA UN MACCHINARIO         SAMP, STASERA AMICHEVOLE DI LUSSO CONTRO IL MANCHESTER         GENOVA, ERICSSON: SCIOPERO CONTRO I 55 LICENZIAMENTI         GENOA: RITIRO DI BARDONECCHIA E NEWS DI MERCATO         SAMP-FERRARI: CI SIAMO. CIFRE IMPORTANTI PER I BLUCERCHIATI         GENOVA, NIENTE ACQUA PER 10 ORE A MOLASSANA         SANREMO, ANZIANO TROVATO MORTO IN MARE         PENSIONATA DERUBATA DI OLTRE 40MILA EURO DA FINTI TECNICI DELL'ACQUA         N'DRANGHETA A GENOVA, SEQUESTRATI BENI E ATTIVITÓ PER 4 MILIONI DI EURO         SAMP, VICINO ROSSETTINI. GIORNI DECISIVI PER SCHICK        


bozza ale sport

Pubblicato il 19 / 5 / 2017

Termina così la sfida tra Vicenza e Spezia. Il lungo abbraccio tra i giocatori al termine di una vittoria che regala la qualificazione ai play off. Basta un goal di Giannetti in apertura di gara con un preciso diagonale al termine di un contropiede per risolvere una partita complicata. Al 20' va in scena anche la protesta dei tifosi vicentini, che interrompono la gara con il lancio di fumogeni in campo. Per il Vicenza questa sconfitta significa retrocessione in Lega Pro. Nel primo tempo un monologo degli aquilotti. Giannetti trova il goal, sciupa una ghiotta occasione, così come i suoi compagni di squadra. Granoche si muove bene e ci prova ma risulta poco freddo sottoporta. Le occasioni si susseguono ma la squadra di Di Carlo mostra il solito problema, la mancanza di cinismo sottoporta. Nel secondo tempo lo Spezia rischia di subire il pari. I liguri rallentano i ritrmi di gioco e il Vicenza prova ad aproffitarne. Il finale è da cardiopalma con un palo colpito da Vignali. Al triplice fischio finale gli aquilotti possono esultare. La vittoria era fondamentale per raggiungere i play off, ma un occhio andava anche ai risultati di Perugia, Cittadella e Benevento che hanno mantenuto invariata la distanza in classifica dal Frosinone. I play off si faranno e lo Spezia è salita sul treno per giocarsi la promozione in serie A. Quarto anno consecutivo in cui i liguri riescono a qualificarsi ai play off. Un risultato che fino a poche settimane fa sembrava ormai irragiungibile. Il difficile però arriva adesso. Martedì lo Spezia disputerà il primo turno dei play-off a Benevento con l’obbligo di vincere per poi passare al secondo turno e quindi alla finale che assegna la terza promozione in serie A dopo quelle già decise di Spal e Verona. Un compito non facile in una gara secca giocata lontano dalle mura amiche. “Partiamo alla pari - assicura il tecnico Di Carlo - abbiamo la migliore difesa del campionato e attaccanti ritrovati.breitlingreplica.org

 

 

Si è dimostrato soddisfatto Mister Castorina per la prestazione offerta dalla sua squadra nell'ultimo capitolo di questa serie B. L'Entella in modo un po' inaspettato ha travolto per 4-1 un Cittadella in corsa per la qualificazione ai play off. Nel primo tempo i chiavaresi sono apparsi indemoniati chiudendo i primi 45 minuti sul risultato di 4-0. Nella ripresa i biancoazzurri hanno tolto il piede dall'accelleratore subendo anche un goal ma l'atteggiamento della squadra si è rivelato impeccabile.

 

La Virtus Entella ha mostrato nuovamente la fame che gli aveva consentito di agguantare nel corso del campionato anche le parti alte di classifica. Le motivazioni per questa sfida erano tutte per il Cittadella che ha rischiato con questa pesante sconfitta di non qualificarsi per i play off. Castorina, probabilmente alla sua ultima apparizione sulla panchina della prima squadra ha elogiato il comportamento dei suoi uomini.un 4-1 che restituisce morale a tutto l'ambiente e che rende la fine del campionato molto più dolce per la città di Chiavari.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prosegue il duro lavoro a Bogliasco per la Sampdoria. Oggi sessione mattutina per la squadra a porte chiuse sotto gli occhi attenti di Marco Giampaolo. La buona notizia riguarda il ritorno in gruppo di Bereszinsky. Il dubbio maggiore in vista della trasferta di udine riguarda fabio Quagliarella. L'attaccante stabiese in settimana non si è allenato a pieno regime. Gli esami hanno escluso frattiure al costato pe ril giocatore, ma il dolore non se ne è andato. A meno di colpi di scena, la coppia d'attacco contro i friuliani sarà composta da Muriel e Schick. Il colombiano è tornato a pieno regime e ieri è stato pizzicato dalle nostre telecamere ad allenarsi su un campo da tennis in tarda serata. Segno che l'attaccante vuole tornare in forma e continuare a sorprendere in quesdto finale di campionato. Sulla carta la coppia Muriel e Schick ha delle potenzialità elevatissime. I due pezzi da novanta della Samp, però, hanno confermato una scarsa alchimia quando schierati assieme. Ecco perchè Giampaolo ha sempre preferito affidarsi a Quagliarella, un giocatore in grado di aiutare la squadra anche arretrando la sua posizione. Il tecnico doriano nel corso della settimana ha provato anche Budimir e il riadattato Alvarez. Soluzioni che potranno andar bene se l'attaccante colombiano alzerà bandiera biancanel corso della sfida. Muriel e Schick rischiano inoltre di esse distratti dalle tante voci di mercato. Il Marsiglia sembra accellerare per assicurarsi le prestazioni del colombiano. Per il momento nessun club ha deciso di pagare la clausola da 28 milioni, ma i francesi si stanno muovendo in tale direzione. Sarà lui l'osservato speciale contro l'Udinese, il grande ex che ancora non ha trovato vendetta. Per Schick invece si registra un'accellerata della Juventus, che vuole assicurarsi le prestazioni del talento ceco. Insomma la Samp traballa, se qualche squadra pagherà le clausole rescissorie, i blucerchiati rischiano di perdere entrambi i propri gioielli.

 

 

Meno due alla sfida decisiva tra Genoa e Torino. In casa rossoblu cresce la tensione per una sfida che potrà decidere il destino della squadra. Serve una vittoria, inutile nasconderlo, ma anche un pareggio potrebbe risultare positivo ai fini della salvezza. A poche ore dalla partita e in un moemtno difficile, però, arriva una notizia positiva. Il ricorso di Armando Izzo contro la squalifica di 18 mesi è stato accetto. Il difensore rossoblu sarà squalificato solamente per sei mesi. Questo significa che il Genoa potrà contare su di lui già a partire dal prossimo ottobre, quindi poco dopo l'inizio del campionato. Adesso però il Genoa dovrà pensare al presente. Quella di domenica contro il granata sarà una sfida ad alta tensione, meglio evitare qualsiasi tipo di distrazione. Ivan Juric a Pegli sta cercando di risolvere gli ultimi dubbi. Sotto stretta osservazione le condizioni di Giovanni Simeone. I rossoblu avrebbero bisogno del bomber argentino in una sfida così delicata. I fastidi muscolari continuano a tormentare il ragazzo. Anche Pinilla non è al meglio e così il tecnico sta studiandi varie alternative per un attacco che ha mostrato estrema fatica a trovare la via della rete. Ntcham è pronto a sostituire Cataldi a centrocampo mentre Biraschi è in vantaggio su un'appannato Munoz per completare il trio di difesa assieme a Burdisso e Gentiletti. Il tecnico chiede massima concentrazione. Quella con il Torino non è di certo la partita più agevole che il calendario poteva proporre. A rendere ancora più ostica l'impresa ci saranno le motivazioni fornite in settimana alla squadra di Mihajlovic dalla tifoseria piemontese, memore dello sgarbo subito otto anni fa. In quel caso fu proprio il genoa a condannare il Toro alla retrocessione con un goal di Milito. I precedenti, però, sono dalla parte del Genoa. I granata non vincono al Ferraris contro i rossoblu da ben 36 anni. Una statistica di buon auspicio per domenica...


IN DIRETTA STREAMING











ULTIMI VIDEO CARICATI

RIGUARDO A NOI
┬ę TELEGENOVA PRODUCTION SRL - VIA ANTON MARIA MARAGLIANO 1/7 - 16100 GENOVA P.IVA 02315240990
Contattaci: info@telegenova.net - Disclaimer