DIGITALE TERRESTRE

CANALE 18 - CANALE 111


Seguici su:

  

Cerca nel sito
 

ULTIME NEWS:     FEMMINICIDIO DI SAVONA: SI COSTITUITO DOMENICO MASSARI         PARCHI DI NERVI: CAETANO VELOSO AL FESTIVAL INTERNAZIONALE         MALTEMPO IN LIGURIA: SONO PREVISTE FORTI PRECIPITAZIONI         SAMPDORIA: I CONVOCATI PER PONTE DI LEGONO         VESPE: BUCCI CONFERMA ORDINANZA         TEATRO CARLO FELICE: PRESENTAZIONE DELLA STAGIONE.         PIANA E SENAREGA (LEGA): IN ARRIVO 17 AGENTI POLIZIA PENITENZIARIA         FEMMINICIDIO A SAVONA: UCCIDE LA EX MOGLIE AL KARAOKE         AUTOSTRADA A 7: GRAVISSIMO INCIDENTE NELLA NOTTE         REGIONE LIGURIA: SALA AUDITORIUM INTITOLATA AI CADUTI DI NASSIRIYA        


Sampdoria, una disfatta inaccettabile

Pubblicato il 8 / 5 / 2017

Una disfatta, un'umiliazione, la quarta sconfitta più pesante della storia della Sampdoria. All'Olimpico contro la Lazio i blucerchiati non risultano pervenuti. Il risultato finale è quasi tennistico, 7-3 per i padroni di casa. La partita della Samp è durata un quarto d'ora. Dopo due minuti dal fischio d'inizio la Lazio trova la prima rete con Keita. La reazione della squadra di Giampaolo si intravede e al 17esimo Djuricic sciupa una ghiotta occasione a tu per tu con il portiere per pareggiare. Nell'azione successiva Skriniar atterra in area con fallo da ultimo uomo Keita lanciato a rete. Espulsione inevitabile ma fallo estremamente sciocco e inutile dello slovacco che lascia in 10 la sua squadra per 70 minuti. Immobile trasforma dal dischetto. Linetty, uno degli ultimi ad arrendersi, trova il goal del 2-1 che riaccende la luce per i blucerchiati. Poi Hoedt, Anderson, De Vrij portano il risultato sul 5-1 nel primo tempo. Da qui il dominio della Lazio è assoluto. Nella ripresa Quagliarella trova una preziosa doppietta ma Lulic e Immobile portano il risultato definitivo sul 7-3.

Insomma una vera e propria disfatta. Una partita che ha mostrato tutti i limiti della squadra di Giampaolo, complice anche l'inferiorità numerica per buona parte della sfida. Il reparto difensivo non pervenuto. Sulle fasce Dodo e Berezsinsky non sono mai riusciti ad arginare la velocità degli avversari. Skriniar ingenuo, così come Vasco Regini subentrato per far fronte all'espulsione del compagno e autore di una prestazione disastrosa. Solo Silvestre ha provato a resistere agli attacchi degli avversari, per poi soccombere insieme al resto della squadra. Djuricic getta via la possibilità di mettersi in mostra nel ruolo che predilige, sulla trequarti. Il fischio finale della sfida è una liberazione. I giocatori vanno sotto la curva dei tifosi blucerchiati per scusarsi, ma lo spettacolo è indegno. Adesso è necessario ritrovare la giusta rotta per concludere il campionato con un piglio diverso. Un'umiliazione che deve servire da lezione per il futuro.

Alessandro Bacci


Sampdoria
IN DIRETTA STREAMING











ULTIMI VIDEO CARICATI

RIGUARDO A NOI
© TELEGENOVA PRODUCTION SRL - VIA ANTON MARIA MARAGLIANO 1/7 - 16100 GENOVA P.IVA 02315240990
Contattaci: info@telegenova.net - Disclaimer