San Martino, muore il migrante 18enne ricoverato in ospedale

È morto per un arresto cardio-circolatorio il 18enne di origini nigeriane ospitato in un centro di accoglienza di via Edera, a Quezzi.

La direzione sanitaria dell’ospedale San Martinio ha reso noto che la salma del giovane migrante è stata messa a disposizione dell’autorità giudiziaria in via precauzionale per eventuali accertamenti formali, ma sottolinea che «non c'è alcun richio di patologie infettive trasmissibili»

Alla luce degli accertamenti effettuati dai medici dell’ospedale, non è stato necessario neppure l’intervento degli esperti del Dipartimento di Prevenzione della Asl 3. Il giovane era arrivato al pronto soccorso del San Martino nella mattinata di martedì, in condizioni che inizialmente non sembravano gravi.

Il suo quadro clinico si è quindi rapidamente aggravato, sino a quando, in serata, è sopraggiunto l’arresto cardiaco fatale. L’esito delle analisi aveva nel frattempo già escluso che potesse trattarsi di una patologia di natura infettiva, un risultato che l'ospedale ha diffuso anche per tranquillizzare gli altri ospiti del centro accoglienza e il personale, sospeso sino al via libera dei medici.



Pubblicato il 15 / 11 / 2017