Morte di Adele De Vincenzi, chiesti 8 anni per l'amico che forně la droga

‍

GENOVA - Il pubblico ministero Michele Stagno ha chiesto la condanna a otto anni e otto mesi per Gabriele Rigotti, l'amico 19enne di Adele De Vincenzi, la ragazzina di 16 anni stroncata da una dose letale di ecstasy lo scorso luglio per strada a Genova. Le accuse nei suoi confronti sono spaccio e morte come conseguenza di altro reato.  L'udienza è stata rinviata al prossimo 5 febbraio con rito abbreviato.

L'altro imputato è Sergio Bernardin, 21 anni, il fidanzato di Adele, che ha scelto di farsi processare con rito ordinario. Secondo quanto ricostruito dalla Squadra Mobile, i due la sera in cui morì Adele avevano consumato Mdma a casa di Rigotti con la ragazza e un'altra minorenne: la droga era stata acquistata da un pusher di 17 anni a Busalla.



Pubblicato il 24 / 1 / 2018

‍