Botti Capodanno, il Comune di Genova chiede il rispetto delle regole

ā€¨

Non un vero e proprio divieto ma atraverso un comunicato il Comune di Genova ha invitato i genovesi al rispetto delle norme per tutelare le persone e gli animali. È l'invito dell'amministrazione comunale ad utilizzare botti e npetardi con le dovute precauzioni in vista della tanto attesa notte di Capodanno e degli inevitabili festeggiamenti. Il divieto tassativo sarà valido in tutti i luoghi coperti o scoperti, pubblici o privati in cui si svolgono manifestazioni pubbliche o aperte al pubblico di qualsiasi tipo. Sarà inoltre vietato utilizzare botti, petardi o fuochi d'artificio in tutte le vie, le piazze ed aree pubbliche dove transitano persone e all'interno di scuole, ospedali, case di cura, comunità, uffici pubblici e ricoveri di animali. Proprio nei confronti degli amici a quattro zampe il Comune richiama alla massima attenzione. E’ noto che gli animali, sia domestici che selvatici, avvertono maggiormente le detonazioni e reagiscono spesso in maniera istintiva e incontrollata, esponendosi così a gravi traumi o alla morte, mettendo al contempo a repentaglio anche l’incolumità delle persone. Ogni comune in Liguria ha preso la propria decisione sui botti a Capodanno. A Ventimiglia, per esempio, è scattato il divieto assoluto di utilizzare petardi o altri fuochi pirotecnici nella notte di San Silvestro, così come Sestri Levante che ha addirittura imposto il divieto dal 30 dicembre all'8 gennaio. Il Comune di Genova si è dimostrato maggiormente diplomatico, con un appello al buon senso dei cittadini genovesi. I controlli saranno comunque molto elevati soprattutto nel centro, con un occhio anche all'allerta terrorismo come dimostrano i blocchi anti-tir apparsi da giorni nella zona di San Lorenzo.

Alessandro Bacci



Pubblicato il 28 / 12 / 2016

ā€¨

Articoli simili