I precari traditi dell'Universitą: "Noi senza pił un contratto dopo 26 anni di ricerca"

ā€

Genova. Non sono anni facili per i precari dell'Università di Genova. Lo hanno definito il baratro dei trecento. Sono gli assegnisti di ricerca dell’Università di Genova, che quest’anno “scadranno” o sono già “scaduti”. E si troveranno alla porta.

Senza possibilità di rientrare in Università. In area medica, quella che conta il maggior numero di assegnisti, la metà di loro è già rimasta a casa ( oltre una ventina), l’altra metà è in via di estinzione entro l’anno. «Senza di noi, l’Università si ferma: perché facciamo, di fatto, il lavoro dei professori ordinari, tra esami, lezioni, oltre alla ricerca », dicono alcuni di loro.



Pubblicato il 26 / 2 / 2018

ā€

Articoli simili