L'appello per Palazzo Rosso: "Salviamo il disegno di Albini"

Genova. Un museo che, indipendentemente dalle opere esposte, deve rimanere qual è per l’idea geniale del suo artefice. Ed è meglio che nulla si cambi: o se si cambia, che sia almeno il risultato di un dibattito coerente e costruttivo. 

Questo il parere degli esperti sulla moquette di Palazzo Rosso, rimossa in parte dal direttore Piero Boccardo per problemi di usura. Prevedendo anche la possibilità di non sostituirla: un’ipotesi che ha scatenato il dibattito tra architetti e storici dell’arte.

Il sovrintendente Vincenzo Tiné non cambia idea: «Stiamo studiando, insieme ai colleghi delle altre città e con il Ministero, di promuovere il riconoscimento e la tutela dei percorsi museali quando hanno una importanza storica e artistica come quella operata da Franco Albini a Palazzo Rosso».



Pubblicato il 26 / 2 / 2018

Articoli simili