Caso Zucca - Gabrielli. Il capo della polizia: "da lui accuse infamanti"

Genova. "Accuse infamanti e oltraggiose, arditi parallelismi che qualificano soltanto chi li pronuncia". Chiede rispetto in nome di chi ha dato il sangue, di chi ha dato la vita, il capo della polizia Franco Gabrielli. La sua è una replica dura al sostituto procuratore generale di Genova Enrico Zucca, pm del processo sul pestaggio alla scuola Diaz.

Facciamo un passo indietro: è stata del magistrato Enrico Zucca la frase provocatoria con cui il pm ha accostato quel che accadde durante il G8 del 2001 alla vicenda di Giulio Regeni, il ricercatore italiano sequestrato, torturato e ucciso al Cairo. "Chi ha coperto i torturatori del G8 è ai vertici della polizia, con quale forza possiamo chiedere all’Egitto di consegnarci i loro torturatori?".

L’apertura di una pratica è stata chiesta al Csm dal presidente della prima commissione Antonio Leone per valutare se vi siano profili di incompatibilità, cioè se il magistrato vada trasferito d’ufficio.

Il vicepresidente del Csm Giovanni Legnini ha detto che sottoporrà la questione al prossimo comitato di presidenza e ha definito doveroso l’intervento del Consiglio superiore. Ha definito quelle di Zucca "affermazioni inaccettabili che necessitano di una valutazione della Commissione consiliare competente".

panerai replica watches https://www.paneraiblog.com



Pubblicato il 22 / 3 / 2018

Articoli simili