Sampdoria, pronto un dossier contro i torti arbitrali

“L'arbitro Di Bello ha deciso la partita”. Dura la presa di posizione del presidente Massimo Ferrero, che al termine della sfida persa dalla Sampdoria contro il Napoli, ha tuonato contro l'intera classe arbitrale. L'espulsione di Silvestre per doppia ammonizione, per una presunta simulazione del portiere Pepe Reina ha letteralmente cambiato gli equilibri della sfida, terminata 2-1 per i partenopei dopo che i blucerchiati erano passati in vantaggio grazie a un autogoal di Hisaj.

Un dossier con i presunti torti arbitrali ai danni della Samp in questa stagione è pronto sulle scrivanie della società di Corte lambruschini. Dall'entourage del club blucerchiato si fa notare che il 'caso Silvestre' sia il quarto episodio 'sfortunato' da inizio stagione. L'elenco comprende la lunga sospensione per pioggia nella gara con la Roma all'Olimpico alla fine del primo tempo, con la Samp in vantaggio, prima di far riprendere la partita dopo oltre un'ora. Per un caso identico, Genoa-Fiorentina venne rinviata. Un altro episodio è ancora legato alla gara con la Roma: in questo caso la Samp sottolineò la generosità con cui venne concesso il rigore, decisivo sul risultato (3-2), dall'arbitro Giacomelli per un contatto tra Skriniar e Dzeko. L'altro caso, riguarda il gol annullato da Irrati a Barreto in Sampdoria-Milan, rete poi risultata regolare: il Milan vinse 1-0. La dura presa di posizione del Ferrero ha trovato anche l'appoggio della tifoseria blucerchiata, che dopo l'ennesimo episodio dubbio ha espresso tutto il proprio sostegno al presidente. Si attende intanto la decisione della Lega su questo episodio, la Samp chiede la revoca dell'espulsione a Silvestre e una pesante sanzione al portiere Pepe Reina.

Alessandro Bacci



Pubblicato il 9 / 1 / 2017