Spezia, Gilardino insultato dai tifosi. Adesso pronto all'addio

Gilardino-Spezia, una storia che sembra arrivata al capolinea. L'attaccante dopo l'errore dal dischetto contro il Parma, la squadra che lo ha lanciato nel grande calcio, è stato duramente attaccato dai tifosi. Critiche, insulti e sospetti nei confronti del campione del mondo 2006, accusato dai tifosi spezzini di aver sbagliato volontariamente il calcio di rigore per permettere al parma di risalire in serie A. Critiche ritenute inaccettabili per un professionista come lui. Arrivato a ottobre con l'obiettivo di dimostrare di poter ancora dare il proprio contributo nel calcio che conta, Gilardino ha collezionato 6 gol in 16 presenze in questa stagione. Anche nella tanto discussa sfida con il Parma, l'attaccante si è reso protagonista di una prestazione battagliera con un palo colpito e le proteste per farsi assegnare quel rigore. Poi il penalty calciato malissimo e le illazioni sul suo impegno. Critiche che fanno malissimo a uno dei pochi campioni del mondo azzurri del 2006 ancora in attività. Gilardino stava già riflettendo sul proprio futuro e a 35 anni potrebbe decidere di ritirarsi dal calcio. La cosa certa è che la frattura con i tifosi dello Spezia sembra ormai insanabile. Corteggiato per mesi, Gilardino aveva accettato di non essere il giocatore con l'ingaggio più alto in rosa nonostante il curriculum. Le strade sono destinate a separarsi, un triste epilogo per i liguri e per un calciatore del suo livello. Il futuro è lontano dal "Picco" in ogni caso, l'unico stadio che nella sua carriera non è riuscito ad apprezzarlo.



Pubblicato il 24 / 5 / 2018