Genova, un piano anti topi: parte la derattizzazione estiva

GENOVA - Da 6mila a 9mila esche, 32 macro zone d'intervento e alcune aree più critiche - dal Ghetto a Boccadasse, da via Sampierdarena a piazzale Adriatico, fino a via Sestri o a salita della Misericordia - dove le derattizzazioni passeranno da trimestrali a bimensili o mensili.

È il piano straordinario estivo di intervento del Comune di Genova che mira, oltre all'utilizzo di veleno, a mettere in atto controlli preventivi anche nei confronti dei privati per contenere il numero di topi in città. La strategia è stata elaborata dall'assessorato all'Ambiente a partire da una mappa realizzata dall'ufficio animali che, anche in base alle segnalazione di municipi e cittadini, ha suddiviso la città in diverse aree in base alle caratteristiche dell'abitato e alle criticità.

Oltre all'aumento delle esche (circa il 30%) e della frequenza dell'attività di derattizzazione, il Comune metterà in campo una serie di servizi di manutenzione, come il periodico lavaggio dei punti per il conferimento dei rifiuti, cassonetti ed eco-punti



Pubblicato il 31 / 5 / 2018

Articoli simili