Giovane ecuadoriano ucciso, Salvini "vicino all'agente ferito"

GENOVA - Il caso del ventenne ecuadoriano ucciso domenica sera con alcuni colpi di pistola da un poliziotto per difendere il collega accoltellato dal giovane, nel suo appartamento di via Borzoli a Genova fa discutere anche a livello nazionale. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha voluto esprimere la personale vicinanza al poliziotto ferito.

"Dispiace che ci sia stata una giovane vittima – ha sottolineato il ministro – il primo pensiero va all’agente gravemente ferito che ora si trova in ospedale". Oggi intanto il capo della Polizia Franco Gabrielli, a Genova per un convegno organizzato dal Silp Cgil, andrà all’ospedale a trovare l’agente e ferito.

In serata, alle 21 a Sestri Ponente, la comunità ecuadoriana ha organizzato una fiaccolata all'insegna dell'hashtag #giustiziaperjefferson. A chi partecipa viene chiesto di portare magliette bianche e candele bianche. Ci sarà una discreta presenza di forze dell'ordine per gestire l'ordine pubblico. 

Sulla vicenda è intervenuto anche il Consolato dell'Ecuador che in una nota esprime le condoglianze alla famiglia e annuncia l'attivazione dei "protocolli di attenzione per i cittadini in stato di vulnerabilità" secondo quanto previsto dalla legge del Paese sudamericano.



Pubblicato il 12 / 6 / 2018

Articoli simili