Genova, tolleranza zero per le auto in doppia fila

Genova. È scattata la tolleranza zero per le macchine che sostano in doppia fila, il parcheggio selvaggio infatti, come racconta la cronaca, è causa di blocco soprattutto per le ambulanze che devono intervenire prontamente. È proprio notizia di pochi giorni fa la morte di un uomo in via Capraia, a Castelletto. Il 60enne, dopo aver chiamato il 118 a causa di un grave malore, è rimasto ad aspettare l'arrivo dei militi che nel frattempo non riuscivano a passare per le diverse macchine posteggiate in doppia fila. L'ambulanza infatti, accompagnata dall'automedica in codice rosso, è rimasta bloccata lungamente da auto e scooter in doppia fila, costretta così a chiamare la Municipale, ma nel frattempo l'uomo, che attendeva l'arrivo dei militi, non ce l'ha fatta.

Sono scattate così le soluzioni drastiche: ceppi blocca-ruote per immobilizzare le auto in divieto di sosta, quattrocento multe in due settimane, un record possiamo dire, inviti a collaborare sul sito del Comune e attraverso i media. Ma ancora, cartelli affissi dai municipi sui portoni come è avvenuto nella bassa Val Bisagno per sensibilizzare gli automobilisti a non intralciare le strade.

“Per i casi più gravi ci stiamo organizzando con la ditta di rimozione per utilizzare le ganasce – avverte il comandante della polizia municipale Gianluca Giurato – e, nello stesso tempo, per impedire la sosta selvaggia nelle curve, installeremo dei paletti-dissuasori” incalza Giurato.

Una soluzione che, per completarsi, prevederà ulteriori restrizioni, come spiega il comandante Giurato: “La sera, soprattutto, avremo pattuglie dedicate proprio all’attività sanzionatoria per divieto di sosta e doppia fila, ma le multe a quanto pare non bastano perché certa gente ragiona così: pago e chi se ne frega”, chiosa il neo comandante della polizia municipale.

A mali estremi, estremi rimedi? Funzionerà? Noi ce lo auguriamo.



Pubblicato il 22 / 6 / 2018