Genova, un camionista picchiato prima di salire sul traghetto

Genova - Un camionista di 47 anni, di origini sarde, è stato picchiato ieri pomeriggio in porto a Genova mentre aspettava di imbarcarsi sul traghetto per Porto Torres. L’uomo è stato ricoverato all’ospedale Villa Scassi dove è rimasto per molte ore in osservazione ed è stato dimesso con una prognosi di 25 giorni. A denunciare l’episodio è stato Mauro Pili, capo del movimento Unidos.

«Il camionista - spiega Pili - è stato pestato a sangue da due persone, marittimi della compagnia Tirrenia. I due protagonisti della gravissima violenza sono stati riconosciuti poco dopo l’agguato dalla polizia che, salita a bordo della nave Sharden, ha effettuato il riconoscimento dei due dietro denuncia della vittima che aveva letto i nomi nel tesserino di riconoscimento». «Si tratta di un gravissimo episodio - prosegue Pili - che va sottoposto al vaglio attento degli inquirenti considerato il clima già più volte segnalato agli imbarchi da e per la Sardegna. Occorre verificare le modalità di selezione e assunzione a partire dall’eventuale imbarco di personale senza che vengano richiesti i documenti validi a partire dal casellario giudiziario».

«Dopo la sanzione dell’antitrust - conclude l’ex parlamentare - che aveva preso atto di quanto avveniva agli imbarchi ora questo episodio di violenza gravissima rischia di minare ulteriormente l’affidabilità del servizio pubblico marittimo. Ho già chiesto al ministro dell’interno e a quello dei trasporti di verificare quanto successo con la necessaria attenzione per mettere al sicuro passeggeri e operatori».



Pubblicato il 10 / 7 / 2018

Articoli simili