Crollo ponte Morandi, Toti: "Giustizia prima di tutto"

Genova. "La giustizia è la prima cosa, sapere cosa è successo, cos'ha prodotto una cosa così. La procura sta facendo uno straordinario lavoro e l'aula di giustizia ci dirà cosa è successo". Lo afferma il governatore della Liguria, Giovanni Toti, ad un mese esatto dal crollo del ponte Morandi.


    "Non sarà la caduta di un ponte a piegare Genova, una città che ha voglia di tornare a correre nel più breve tempo possibile - aggiunge -. Oggi in piazza De Ferrari, la piazza delle grandi adunate di quel popolo che ha saputo dire no ai terroristi quando fu ucciso Guido Rossa, ribadiremo a tutti questa volontà".


    "Non credo che importi a qualcuno il nome del commissario - dice a proposito del decreto del governo -. Il problema è fare le cose bene e presto. Non ingarbugliare le carte. Come istituzioni ci siamo fatti carico da un mese dell'emergenza facendo un lavoro straordinario e oggi chiediamo al Governo di poter continuare, di non avere disturbi ma aiuti, perché l'unico compito ora è riaprire il ponte".



Pubblicato il 14 / 9 / 2018

Articoli simili