Genoa, la difesa un flop. Ballardini sotto esame

Ancora una caduta pesante per il Genoa lontano dal Ferraris. Contro la Lazio finisce 4-1, al termine di una sfida in cui i rossoblu si sono ritrovati in balia degli avversari. Certo l'avversario era nettamente superiore dal punto di vista tecnico, ma le difficoltà palesate dal reparto difensivo sono preoccupanti. Il 5-3-2 iniziale che secondo le idee del tecnico avrebbe dovuto contenere gli assalti della Lazio si è rivelato un flop totale. Il passaggio al 4-3-1-2 ha portato benefici e probabilmente sarà il modulo da cui ripartire. Gunter, Biraschi, Spolli e Zukanovic hanno mostrato della lacune difensive preoccupanti. Marchetti in porta non riesce a trasmettere la necessaria sicurezza al reparto e crolla inesorabilmente insieme al resto della squadra. Si salvano solo i soliti Piatek e Kouamè, i due attaccanti che nonostante il pesante passivo hanno mostrato segnali positivi. In due trasferte in questa stagione il Genoa ha subito 9 gol, cinque con il Sassuolo e quattro con la Lazio. Una media da film horror. La sconfitta dell'Olimpico ha fatto infuriare anche il presidente Preziosi, tanto che la posizione di Ballardini potrebbe essere in bilico se non arriverà la svolta nelle prossime sfide. Visibilmente infuriato, il presidente si è limitato ad affermare "nessuna panchina è a rischio". L'allenatore deve ritrovare in fretta la retta via, anche perché nelle prossime due partite il Genoa affronterà il Chievo e il Frosinone. Qui Preziosi si aspetta di portare a casa dei punti. Adesso testa a mercoledi sera quando al Ferraris arriveranno i clivensi. Il Genoa è in cerca di riscatto dopo la pesante sconfitta e sia i tifosi che il presidente si aspettano una reazione importante...

Alessandro Bacci



Pubblicato il 24 / 9 / 2018