Genoa, fischi e contestazione. Il Crotone apre la crisi

È questa l'immagine finale della domenica del Genoa. I tifosi che bloccano il pullman della squadra all'uscita del Ferraris. Nella protesta anche tre agenti di polizia sono rimasti feriti. Genoa Crotone è terminata 2-2 al termine di una sfida in cui i rossoblu hanno sofferto. Passati in vantaggio con Simeone nel primo tempo, gli uomini di Juric si sono fatti recuperare dal goal di Ceccherini. Pandev poi si procura un rigore realizzato da Ocampos ma nel finale Ferrari sigla il pareggio, con un goal fotocopia del primo. Un 2-2 che lascia l'amaro in bocca ai tifosi contro una squadra nettamente inferiore dal punto di vista tecnico. Il sito ufficiale del Genoa titola “Il grifo prende solo un brodino”. I rossoblu sono apparsi quasi impauriti, irriconoscibili rispetto alla squadra che solo due mesi fa riuscì a vincere contro la Juventus o che il 15 dicembre ottenne i 3 punti contro la Fiorentina. La solidità difensiva che aveva contraddistinto il Genoa a inizio stagione appare un lontano ricordo. Anche questa volta i due goal del Crotone sono arrivati da palla inattiva e due amnesie della difesa sono costate care al Genoa. Una squadra che non è piaciuta nemmeno al presidente Enrico Preziosi che nel post partita ha avuto un lungo colloquio con il tecnico Ivan Juric. Alla base del confronto il futuro del tecnico e il calciomercato. Al momento l'ipotesi di un cambio di allenatore appare lontana ma decisive saranno le prossime sfide. Il Genoa, però, ha bisogno di cambiare velocemente rotta. Domenica i rossoblu saranno al Franchi per la complicata trasferta contro al Fiorentina e sarà emergenza a centrocampo. Cataldi sarà assente per squalifica mentre rigoni è uscito malconcio dalla nsfida contro il Crotone. Prosegue il periodo nero per il grifone. Sia Juric che la squadra dopo l'ennesima prestazione negativa sono sotto accusa..

Alessandro Bacci.



Pubblicato il 23 / 1 / 2017

Articoli simili