Ilva di Cornigliano, convocato nuovo tavolo a Roma per i 474 esuberi

Genova. E' atteso nei prossimi giorni un nuovo tavolo romano che dovrà definire il futuro, dando garanzie, ai 474 lavoratori dell'Ilva di Cornigliano, che saranno assunti da Investco.

E' stato questo l'esito della riunione convocata in Prefettura dallo stesso prefetto di Genova.

La Fiom Cgil però chiede che nel frattempo non vengano inviate le lettere di licenziamento e riassunzione per i mille dipendenti che saranno invece assunti nella nuova azienda. "Ci è stato detto che bisogna costruire un altro tavolo a Roma - spiega Bruno Manganaro, segretario genovese della Fiom - e va bene, ma nel frattempo Mittal si deve fermare con le lettere che propongono di licenziarsi dalla struttura commissariale per essere assunti. Altrimenti vuol dire che, mentre noi cerchiamo di mediare, qualcuno pensa di andare avanti a prescindere: a Genova siamo strani, o lo capiscono o ci saranno conseguenze. Se la politica non utilizza il suo potere di condizionare, allora non ci resta che fare sciopero".

Il governatore della Liguria Toti ha dichiarato - a margine del tavolo - "che l'obiettivo è quello di garantire il posto di lavoro a tutti".



Pubblicato il 18 / 10 / 2018

Articoli simili