Decreto Genova, oggi l'approdo al Senato

Genova. Potrebbe essere iniziato il vero conto alla rovescia per quanto riguarda la demolizione di quel che resta del Morandi. A quasi tre mesi dal crollo è arrivata ieri la notizia, per bocca del sindaco di Genova, nonché commissario straordinario per la ricostruzione, Marco Bucci. "La demolizione del viadotto partirà il 15 dicembre, giorno più, giorno meno".

Le tappe sono oramai cadenzate e scandite, la squadra del commissario sembra essere pronto al decollo, si aspetta adesso che il decreto Genova arrivi in aula al Senato, con successiva approvazione. Al termine dei lavori infatti, il dl Genova sarà convertito in legge.

Bucci sta già lavorando per affrontare al meglio i primi step, le mosse da compiere sono già sul tavolo, accompagnate dai primi atti concreti. Tra questi l'individuazione, in accordo con il commissario all'emergenza Giovanni Toti, delle aree in cui sarà concessa la cassa in deroga e varrà la zona franca urbana, alla nomina della sua squadra, fino alla scelta del progetto di demolizione e l’invio delle lettere alle aziende affinché propongano progetti per la ricostruzione del viadotto.

Insomma, numerosi i passi che dovranno essere compiuti per arrivare all'atto finale. Ma un primo obiettivo è fissato, come spiegato e precisato dal commissario Bucci, ed è quello che riguarda l'inizio dei lavori di demolizione.



Pubblicato il 13 / 11 / 2018

Articoli simili