Bypass via Fillak: residenti si dicono contrari

Dopo corso Perrone e via 30 giugno, c'è un'altra strada colpita dal crollo del Morandi vicina alla riapertura; infatti entro natale dovrebbe ritornare ad essere percorribile anche via Giorgio Perlasca, a testimonianza di quanto abbiano lavorato le istituzioni per sopperire alla mancanza di arterie in grado di collegare la valpolcevera al resto della città.

Tuttavia il bypass che collegherà via Fillak a via Perlasca non sarà pronto prima di gennaio, o addirittura febbraio, in quanto come precisato dal sindaco Marco Bucci:  “Le cose sono un po’ complicate, su quel fronte, perché abbiamo un problema con i residenti che non gradirebbero il passaggio di autobus o altri mezzi pesanti sotto le case, quindi dobbiamo ancora risolvere una questione tecnica”. 

Il progetto di questa nuova viabilità prevede il transito sia su strade esistenti che su strade che andrebbero costruite da zero, il nuovo bypass infatti, partirebbe dalla parte Nord di via Fillak, zona Certosa, per poi immettersi in via Campi per poi spostarsi su un nuovo tratto che verrebbe costruito parallelamente alla ferrovia, per poi reimmettersi in via Capello (via Porro) e infine tornare in via Fillak.

Bypass che sembrerebbe di fondamentale importanza, soprattutto per quando verranno avviati i processi di demolizione e ricostruzione, è chiaro infatti che quando verrà abbattuto il moncone ovest, quello transitante sotto la collina di Coronata, verranno interdette al traffico via 30 giugno e corso perrone, così come verrà chiusa via Perlasca nel momento dell'abbatimento del moncone est, lato Sampierdarena, presentandosi così la necessita di un'ennesima viabilità alternativa che possa collegare le zone limitrofe al viadotto con le strade circostanti che rimarranno percorribili.



Pubblicato il 6 / 12 / 2018

Articoli simili