Sestri Ponente: scoperta officina che riciclava veicoli rubati

Questa mattina la Polizia di Stato ha denunciato a piede libero due italiani di 29 e 39 anni per i reati di furto e riciclaggio di veicoli e motoveicoli.

L'indagine è scattata lo scorso ottobre quando un cittadino genovese, dopo aver denunciato il furto del suo scooter, afferma di aver ritrovato il veicolo riconoscendolo solo da alcune finiture personalizzate, in quanto targa e telaio erano stati sostituiti, risultando anch'essi appartenenti originariamente ad un'altra moto di cui era stato denunciato il furto da parte del ventinovenne ora indagato.

Ne scaturisce un'indagine, che si articola su social network e siti di compravendita, permetttendo ai poliziotti del Commissariato Sestri Ponente grazie anche all'ottima conoscenza della microcriminalità di zona, di risalire all'autore di furti e modifiche, ovvero il meccanico 39enne, il quale aveva procurato il telaio sopra citato per poi denunciare il furto dello stesso. Alla perquisizione scattata questa mattina le forze dell'ordine hanno trovato nell'officina vari caschi rubati, telai contraffatti, motori senza numero identificativo oltre a tutto il materiale per la punzonatura, ovvero il processo per modificare i numeri di identificazione dei telai e dei motori rubati.

 



Pubblicato il 6 / 12 / 2018

Articoli simili