Danni mareggiate, assegnati 8 milioni alla Liguria

Sono stati assegnati 8 milioni stanziati nella Legge di Stabilità del Governo per ripristinare le opere di difesa a mare danneggiate dalla mareggiata che ha colpito la Liguria a fine ottobre. Il presidente della Regione e commissario per l'emergenza Giovanni Toti ha firmato ieri il decreto. Sono 30 gli interventi prioritari per la difesa della costa, nella maggior parte dei casi opere di ripristino, progettazione e potenziamento di dighe, moli e scogliere. Due le opere significative: le dighe a S.Margherita e a Oneglia, per 5 milioni, a cui si aggiungono interventi più piccoli per 3 milioni. La scelta è supportata da un accordo Governo-Regione per l'eliminazione delle accise sulla benzina a favore dei territori colpiti. Lo stesso importo che la Regione avrebbe ottenuto dalle accise e che il Governo ha "restituito" sotto forma di interventi. I milioni si aggiungono a quelli stanziati dalla Protezione civile nazionale (6,5 mln) e a 1,5 milioni di risorse regionali per Portofino.

 Questo l'elenco dei Comuni che hanno ricevuto somme per ripristinare i danni causati dalla mareggiata di fine ottobre scorso.
    Comune di Bogliasco 80 mila euro, Lavagna 450 mila, Moneglia 120 mila, Rapallo 500 mila, Sestri levante 100 mila, Sori 90 mila, Bordighera 210 mila, Ospedaletti 260 mila, Santo Stefano al mare 185 mila, Framura 200 mila, Monterosso al mare 200 mila, Vernazza 350 mila, Borgio Verezzi 42 mila, Ceriale 40 mila, Savona 145 mila, Spotorno 90 mila, Santa Margherita Ligure 2 milioni 470 mila, Imperia 2 milioni e 470 mila



Pubblicato il 6 / 2 / 2019