Perizia Ponte Morandi: grave stato di degrado

Da quanto emerge dalla perizia consegnata sullo stato di salute del Ponte Morandi  analizzando il sistema bilanciato 10  si evince che esistevano  “estese fessure longitudinali in prossimità del traverso. L’antenna lato mare è interessata da pesanti macchie di umidità attiva piuttosto estese. L’antenna lato monte presenta fessure trasversali e fessure longitudinali estesa anche in corrispondenza della parte sommiate da cui emergono prodotti di corrosione. Su quest’ultimo elemento sono state individuate anche zone di distacco del copriferro in corrispondenza delle quali si sono rese visibili armature lente fortemente ossidate”.

Per i dadi di ancoraggio dei tiranti lato Savona della pila 10 vengono riscontrati gravi difetti localizzati quali fessure longitudinali e trasversali, zone di umidità attiva, armature lente ossidate e fenomeni di distacco di copriferro. Stessi gravi difetti vengono riscontrati per i dati dei tiranti lato Genova a mare mentre nessun difetto su lato genova a monte.

Lo stato di conservazione evidenzia il progredire di fenomeni di corrosione e ammaliamenti che non sembrano essere stati bloccati dagli interventi di manutenzione testimoniati”

Un crollo che si poteva e si doveva  evitare.  



Pubblicato il 3 / 8 / 2019