La voce dei servizi sociali

Si è tenuta nella giornata di ieri l’assemblea dei lavoratori dei Servizi Sociali del comune di Genova con la partecipazione di oltre 150 dipendenti appartenenti a tutti i settori dei servizi sociali e a tutte le professionalità.
L’assemblea, promossa da FP Cgil, Cisl FP e Uil FPL, è stata indetta in reazione alla  campagna di stampa sui servizi sociali genovesi alimentata dalle dichiarazioni dell’Assessore alle politiche sociali, Francesca Fassio, che ha fornito la sua particolare versione sui Servizi Sociali  in particolare quelli dedicati alla tutela dei minori.
I lavoratori chiedono a gran voce rispetto per la delicata attività professionale che svolgono quotidianamente e per le persone che sono chiamate ad aiutare, siano essi minori, anziani o persone in difficoltà.
Chiedono che le scelte politiche dell’amministrazione siano effettivamente orientate ad investire sui servizi.
Denunciano come le ultime iniziative dell’assessorato, quali la sospensione arbitraria ed estemporanea del servizio affido familiare e del progetto Arianna per la prevenzione del maltrattamento e degli abusi non danno alcune risposte reali ai problemi della cittadinanza.
Il Sindacato e gli operatori concordano, come già più volte richiesto ai tavoli di confronto, che il sistema dei Servizi Sociali della Città di Genova necessiti di interventi orientarti al miglioramento, consolidamento e potenziamento di quanto di positivo già esiste e implementando il sistema stesso di nuovi servizi.
 



Pubblicato il 9 / 8 / 2019