Al via le convocazioni dei primi liguri che percepiscono il reddito di cittadinanza

Verranno chiamati per la sottoscrizione del patto per il lavoro i  2200 i nominativi comunicati da Ministero e Anpal con un primo invio di dati che, grazie all'impegno organizzativo di Regione Liguria, a luglio hanno frequentato i seminari collettivi (in gruppi da 10-15 persone) nel corso dei quali sono stati illustrati il percorso di politica attiva, le opportunità e gli obblighi previsti dalla legge. Ai primi di agosto è stato invece avviato il corso intensivo per i navigator previsto da Anpal Servizi che andrà avanti ancora per altri due mesi: dalla prossima settimana comincerà l'inserimento progressivo dei navigator nei 13 centri per l'impiego liguri in affiancamento on the job.

"Il percorso che abbiamo messo in opera a partire da giugno ha dovuto inizialmente ovviare all'incompletezza dei dati inviati da Anpal e Ministero e alla mancanza di un quadro normativo definito - precisa l'assessore al lavoro Gianni Berrino - poiché mancavano il modello da adottare per il patto del lavoro e una specifica chiara ed esaustiva sui casi di esonero ed esclusione dal reddito di cittadinanza. Nonostante ciò siamo riusciti a svolgere i seminari a luglio e questo è molto importante, perché permette di convocare per la firma persone ben informate e consapevoli, che conoscono i loro diritti e i loro doveri, che hanno già parlato con un operatore e sanno che servizi hanno a disposizione in Liguria".



Pubblicato il 2 / 9 / 2019