Parco del nuovo ponte

Tra le sei proposte partecipanti alla fase finale, è stata scelta quella presentata dallo studio milanese di Stefano Boeri, capogruppo del team di progettazione, da Metrogramma di Andrea Boschetti e dallo studio olandese Inside Outside di Petra Blaisse.

Un Cerchio di acciaio, Rosso. Un anello che abbraccia – passando sotto il nuovo Ponte - un territorio di ferro, acqua, cemento e asfalto. Il Cerchio Rosso di acciaio, memoria di una potente tradizione di altoforni, gru, carroponti, corre attorno ai luoghi più vicini alla tragedia del 14 agosto 2018.

Il progetto urbano, denominato “Il Parco del Polcevera e il Cerchio Rosso”, è pensato come un sistema di parchi dalle diverse ecologie, infrastrutture per una mobilità sostenibile ed edifici intelligenti per la ricerca e la produzione, con l’obiettivo di capovolgere l’immagine attuale della valle del Polcevera, da luogo complesso e tragicamente disastrato a territorio dell’innovazione sostenibile per il rilancio di Genova stessa.

Il Cerchio Rosso di acciaio -elemento simbolico e manifesto di una ricucitura urbana tra le due sponde della vallata- si sviluppa cambiando natura: diventa infatti passerella, piazza sopraelevata, rampa di accesso e uscita, corridoio tra gli edifici oppure percorso ipogeo e connette tra di loro tutti i diversi territori, esaltando il grande parco botanico urbano, il Parco del Polcevera. Un nuovo luogo rigenerato che correrà sotto il nuovo ponte, progettato da Renzo Piano in sostituzione del Ponte Morandi di cui, nell’agosto del 2018, è crollata una parte significativa causando un tragico incidente e diverse vittime.



Pubblicato il 3 / 10 / 2019