Nuovo caso di dengue a Genova

È stato segnalato dall’ASL3 a Genova un nuovo caso “importato” di  dengue  una malattia infettiva, trasmessa da un particolare tipo di zanzara (genere aedes).

Il virus, presente in paesi tropicali e subtropicali, non viene trasmesso da persona a persona.

A titolo precauzionale, per la tutela della salute pubblica, risulta tuttavia necessario – secondo il Piano Nazionale di sorveglianza e risposta alle arbovirosi trasmesse da zanzare invasive – ridurre il rischio di trasmissione di dengue anche attraverso il contenimento della zanzara tigre che può esserne il vettore.

Per questo motivo è stata adottata un’ordinanza per attivare prontamente le misure di profilassi e abbassare rapidamente la densità della zanzara tigre nella zona in cui ha sede il luogo di lavoro del cittadino infetto. 

L’area interessata – che verrà sottoposta al trattamento a partire dalla notte compresa tra il 18 e il 19 ottobre – comprende:  

-          Via Capraia: tutta la via

-          Salita Emanuele Cavallo: area compresa tra i civv. 68 e 98D e tra i civv 73 e 95;

-          Via Domenico Chiodo: civv da 5A a 7B;

-          Via Ameglia: tutta la via;

-          Via Piaggio: tutta la via con obbligo di mantenere accessibile la strada che porta ai civv 22,

            24, 26, nell’area soprastante il campo da tennis;

-          Corso Firenze: civv 12A, 15, 16, 17, 18 civv da 1rosso a 13rosso;

-          Giardini Marco Dino Rossi: tutta l’area;

-          Via Paride Salvago: civv da 4A a 16 e da 2Hrosso a 30rosso;

-           Rampa Silvio Fellner;

-          Via Acquarone: dai civv 38 a 66 con obbligo di mantenere accessibile la strada, tenendo

aperto il cancello che porta ai civv pari dal 56 al 66

-          Via Giuseppe Ferrari: tutta la via;

-          Via Ogerio Pane: tutta la via con obbligo di mantenere accessibile la strada per transito

mezzi e operatori;

-          Via Oberto Cancelliere: civv dal 39 al 51 e dal 19 al 22

Il trattamento non è nocivo per la salute degli esseri umani, ma invitiamo le persone che vivono nelle vie interessate dal trattamento a:

  • tenere chiuse le finestre fino alle 7 del mattino 
  • tenere gli animali in casa,
  • ritirare l’eventuale biancheria stesa all’esterno degli edifici durante il periodo del trattamento,
  • rimuovere o ricoprire mobili e giochi per bambini dall’esterno; se rimasti all’esterno ed esposti al trattamento dovranno essere puliti utilizzando guanti,
  • lavare, dall'ultimo giorno di trattamento, la frutta e la verdura coltivata nell’orto, sul balcone o davanzale,
  • limitare il più possibile la frequenza degli interventi di innaffiatura di giardini e aree verdi, al fine di consentire una maggiore efficacia dei trattamenti previsti.

 



Pubblicato il 18 / 10 / 2019