Truffa dei libretti postali

Arrestata una donna di 58 anni, ex dipendente dell'Ufficio Postale di Vobbia per peculato, falso ideologico e materiale in atto pubblico, autoriciclaggio ed accesso abusivo a sistema informatico, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione della misura degli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Genova.

La donna, responsabile dell’ufficio da circa 20 anni,  operando in assoluta autonomia, dal 2000 al 2018, nei confronti di 19 ignare vittime, era riuscita ad appropriarsi  di oltre 440.000 euro (di cui solo 220.000 circa contestabili, a causa della sopraggiunta prescrizione decennale), sottraendoli attraverso la produzione  di libretti di deposito cartacei falsi , che sono stati consegnati alle vittime, trattenendo per sé quelli reali, digitali.

Per anni le varie somme versate dai clienti sono state falsamente annotate  sul falso libretto cartaceo.

Gli importi, invece venivano   confluiti  nei libretti  rimasti in possesso della dipendente postale, per essrere poi svuotati  dalla dipendente. 



Pubblicato il 24 / 10 / 2019