Inchiesta viadotti autostradali

La superficialità nei  dei viadotti autostradali potrebbero risalire a ben prima del 2013. 

Dal 2017, dopo che la normativa in materia di sicurezza è cambiata, Spea fa frequentare dei corsi specifici ad alcuni tecnici per permettergli di eseguire gli accessi senza correre rischi.

Nonostante questo, però, la carenza di controlli all'interno delle infrastrutture è acclarata 

La situazione emerge dalle carte dell'inchiesta sui falsi report e, in particolare, su quelle che riguardano gli 11 indagati per cui la procura aveva chiesto le misure cautelari negate dal gip.

11 persone, tra cui l'ex amministratore di Spea Antonino Galatà,  dirigenti e tecnici di Spea, accusate di falso per non avere effettuato i controlli dovuti. Le stesse accuse potrebbero essere contestate anche per l' inchiesta principale sul crollo del ponte Morandi, nella quale già alcuni indagati sono accusati di falso.



Pubblicato il 25 / 10 / 2019

Articoli simili