L'allievo Giampaolo contro il maestro Zeman

Allenamento pomeridiano per la Sampdoria che si avvicina alla sfida con il Pescara. Mister Giampaolo può contare sulla rosa al completo e avrà l'imbarazzo della scelta per affrontare gli abruzzesi. Una sfida che rappresenterà una tappa importante per la carriera del tecnico blucerchiato. Giampaolo ha più volte affermato che Zeman è stato il suo maestro, per la sua idea di calcio innovativa e votata all'attacco. In tanti anni di serie A l'attuale allenatore della Samp non ha mai incontrato una squadra guidata dal boemo. Due tecnici per certi versi simili, che puntano tutto sul duro lavoro, il pressing alto e che preferiscono lasciare parlare il campo piuttosto che confrontarsi con i giornalisti. C'è curiosità per capire come i due allenatori avranno preparatao la sfida per mettere in difficoltà l'avversario. Il professore, Giampaolo, contro il Maestro, Zeman, questi i soprannomi dei due tecnici.

Se sul campo del Mugnaini la squadra continua a lavorare duramente, dall'altra parte c'è un Antonio cassano dal dente avvelenato contro la società. Oggi è scaduto il permesso per il talento barese di proseguire gli allenamenti con la primavera blucerchiata. Fantantonio ha salutato tutti e ha svuotato l'armadietto a Bogliasco. Cassano, però, non è mai banale e attraverso il profilo twitter della moglie ha lanciato l'ultima frecciata nei confronti della società: “Dopo una sceneggiattura degna di Oscar con regia Ferrero/Romei/Giampaolo in assenza di palle hanno deciso che non potrò più allenarmi con i ragazzi della primavera. Motivazione? Troppo ingombrante!”. Un duro sfogo e il primo vero attacco anche nei confronti dell'allenatore. Si chiude quindi con una stoccata al veleno la storia tra Cassano e la Samp, fatta di gioie e tormenti e terminata nel peggiore dei modi.

Alessandro Bacci



Pubblicato il 1 / 3 / 2017