Elezioni regionale 2020: ancora incertezze a sinistra

 

"Se il Pd c'è deve battere un colpo perchè non possiamo perdere altro tempo. Altrimenti, come Linea Condivisa, decideremo di fare altre scelte." 

Queste le parole di Gianni Pastorino consigliere in Regione di Linea Condivisa.

Secondo Pastorino non esistono ancora tavoli di discussione fra l'area riformista e la sinistra. Non eiste, ancora un programma in comune e non si è ancora trovato un accordo sul nome di chi farà la galoppata elettorale come sfidante di Giovanni Toti.

Forse perchè fino all'ultimo il Pd ha cercato un accordo con il Movimento 5 Stelle diviso il Liguria fra i possibilisti e i contrari, capitani da ALice Salvatore, su una alleanza che ricalchi quella del Governo?

Certo è che la destra unita è in campagna elettorale già da diverso tempo. Giovanni Toti non perde occasione per poter mettere i difficioltà la minoranza in Regione .

Il dissesto idrogeologico che ha flagellato la Liguria in questo ultimo periodo può essere un carro sul quale salire x calamitare voti e preferenze, per far spostare l'ago della bilancia dall'una o dall'altra parte?

E che parte avrà il Movimento delle Sardine? Coinvoglierà i voti degli indecisi a sinistra?

Certo è che ad oggi a sei mesi dalle elezioni il Pd non ha ancora chiarito la sua linea di azione. Le bocche dei consiglieri regionali sono cucite e la risposta è sempre la stessa: "saprete a tempo debito sia il candidato Governatore, sia il programma".

E noi, fiduciosi, aspettiamo. 

Anna P. 



Pubblicato il 29 / 11 / 2019

Articoli simili