Le previsioni del bilancio 2020 di regione Liguria

 Riduzione della pressione fiscale, attraverso l’abrogazione della clausola di salvaguardia che prevedeva l’incremento dell’addizionale regionale, esenzione dalla tassa automobilistica per il 2020  per i ciclomotori 50cc e per chi rottama un motociclo Euro 0 e Euro 1, per acquistarne uno meno inquinante;  politiche green, rivolte alla tutela ambientale, impulso alle imprese e agli investimenti, riduzione delle tasse automobilistiche regionali che si coniuga con le esigenze ambientali con politiche di incentivazione a favore dei giovani e di equità nei confronti dei portatori di handicap. E poi azioni ed interventi plastic free per favorire la riduzione dei rifiuti anche grazie ad accordi con le associazioni dei gestori di stabilimenti balneari e i Comuni interessati, con sistemi di premialità per i più virtuosi.  

Sono queste alcune delle azioni inserite nella manovra di bilancio 2020 – 2022  presentata dal Presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, in consiglio regionale insieme alla Legge di Stabilità. Le risorse effettive iscritte a bilancio per l’anno finanziario 2020 ammontano a 5,321 miliardi di euro, di cui 82,2 milioni di euro provenienti dalla programmazione comunitaria e 3,376 miliardi di euro per il fondo sanitario regionale.

L’obiettivo della Giunta è portare avanti una riduzione della pressione fiscale per la comunità ligure, insieme a politiche green rivolte alla tutela ambientale e all’impulso alle imprese e agli investimenti.

AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DEI PORTATORI DI HANDICAPRegione Liguria ha deciso di porre rimedio a una disparità di trattamento in materia di agevolazioni fiscali a favore dei portatori di handicap, estendendo l’esenzione anche ai veicoli dotati di alimentazione più ecologica.

PLASTIC FREE

Previste una serie di azioni per favorire la riduzione dei rifiuti: dalle campagne di sensibilizzazione della collettività; alla promozione di un riciclo intelligente; ad accordi con le associazioni di gestori degli stabilimenti balneari per il recupero dei rifiuti in mare o sulle spiagge con agevolazioni fiscali, e sistemi premiali per i Comuni.

MANOVRA DI ESENZIONE INTEGRALE DELL’IRAP

Per 5 anni le nuove attività imprenditoriali intraprese nel 2020 da giovani imprenditori nei settori a basso impatto ambientale, della green economy, del turismo e della ricerca scientifica. Si tratta della terza manovra di esenzione su questo tributo che va ad aggiungersi a quelle varate per stimolare la nascita di nuove attività produttive nel 2016 nei settori del turismo, artigianato e alta tecnologia e nel 2018 nel settore del commercio al dettaglio.



Pubblicato il 10 / 12 / 2019

Articoli simili