Genoa, 4-3-3 contro il Milan?

Parola d'ordine cambiare. Cambiare sia in termini di risultati ma soprattutto di formazione. Mandorlini sembra inetnzionato a dare un segnale alla squadra già nella sfida contro il Milan. Prove di 4-3-3 in casa Genoa, il nuovo modulo che Mandorlini si prepara a varare per la trasferta di San Siro. Ancora da capire se dal fischio d'inizio o solo a partita in corso. Il tecnico di Ravenna è pronto a rilanciare Adel Taraabt dal primo minuto. Il marocchino è ancora lontano dalla forma fisica migliore ma la sua voglia di rivalsa contro un Milan che anni fa lo aveva scaricato potrebbe risultare decisiva. Per lui 14 partite con la maglia rossonera e 4 goal. Sprazzi di grandissimo talento accompagnati però da comportamenti non propriamente ideali fuori dal campo, come nottate passate in discoteca fino a tarda notte. Elementi che spinsero il Milan a non riscattarlo dal QPR al termine del prestito.

Taraabt è un giocatore ideale per il nuovo schema offensivo di Mandorlini, in grado di saltare l'uomo e creare superiorità numerica in fase offensiva. Al suo fianco Simeone e Lazovic sono pronti per comporre l'inedito tridente. Capitolo difesa. Il passaggio alla linea quattro comporterebbe sicuramente dei cambi. Munoz e Gentiletti pronti a comporre la coppia di centrali, mentre Izzo sarebbe dirottato sulla fascia destra. Insomma Mandorlini costretto a lavorare lontano da casa insieme alla squadra, sta testando questa nuova opzione. Il 4-3-3 rappresenta Il marchio di fabbrica del tecnico rossoblu e potrebbe portare una ventata di cambiamento in questo finale di campionato ad alta tensione per i rossoblu.

Alessandro Bacci



Pubblicato il 17 / 3 / 2017