Nessun rossoblucerchiato in nazionale azzurra

C'era una volta una nazionale rossoblucerchiata. La sfida tra Italia e Albania in programma questa sera, riporta alla mente la sfida del 2014 a Genova fra gli Azzurri e le Aquile. In un Ferarris pieno di tifosi ospiti, la nazionale italiana era imbottita di giocatori provenienti da Genoa e Samp. L'ex ct Antonio Conte ne convocò addirittura nove, cinque rossoblu e quattro blucerchiati. Uno scenario che oggi appare lontano anni luce. Dopo moltissimo tempo, infatti, tra le fila degli azzurri non compare nessun giocatore dei due club genovesi. Poco più di due anni fa nell'Italia erano presenti elementi come Antonelli, Bertolacci, Matri, Sturaro per il Genoa, mentre la Samp era rappresentata da De Silvestri, Gabbiadini, Soriano e Okaka. Per uno scherzo del destino fu proprio quest'ultimo a decidere l'incontro con la prima, e unica, rete in nazionale. Oggi lo zero nella casella rossoblucerchiata non può che far riflettere. L'unico elemento del giro della nazionale italiana sarebbe Mattia Perin, ma l'infortunio al ginocchio lo ha costretto al forfait. La scelta del ct genovese Giampierio Ventura deriva anche dalla presenza massiccia di giocatori stranieri nei due club genovesi. La Samp ha cambiato politica rispetto al passato, puntando su elementi giovani e di qualità ma provenienti da altre nazioni. Gli unici convocabili sarebbero Viviano e Quagliarella, e un Vasco Regini mai entrato nel giro della nazionale maggiore. Lo stesso discorso vale anche per il Genoa, che può contare però su elemnti come Izzo, Perin e Cataldi che potrebbero essere presi in considerazione magari in vista dei mondiali. Insomma, sarebbe bello in futuro tornare ad osservare una nazionale un po' più rossoblucerchiata....

Alessandro Bacci



Pubblicato il 24 / 3 / 2017