Genoa, vittoria e sorpasso. Samp, che colpo a Udin

Vittoria doveva essere e vittoria è stata per il Genoa impegnato nello scontro da dentro o fuori con la modesta Spal fanalino di coda della serie A. I rossoblu di Nicola si impongono con un netto due a zero, concedendosi anche il lusso di fallire nel primo tempo un rigore con Iago Falque, per il grifo è il quinto penalty fallito su 15 tirati in stagione: dato che deve far riflettere tecnico e squadra. I gol per il genoa sono arrivati uno per tempo e sono entrambi di pregevole fattura: il primo ad opera di Goran Pandev, leader indiscusso dei genoani, che a 37 anni si inventa un dribbling e tiro a incrociare col destro che non lascia scampo a Letica: se sarà salvezza, i tifosi intitoleranno al macedone probabilmente qualche piazza in giro per la città. La seconda rete porte invece la firma di chi leqader doveva essere e sin qui non è stato: dopo quasi un anno di tentativi, eccola la punizione da vedere e rivedere di lasse Schone, il regista danese che dal 2014 ad oggi ha concesso solo a un certo Leo Messi di segnare piu di lui su tiro piazzato. Una dote evidente che a Genova ancora non si era vista. Al netto dell'avversario ormai già con un piede e mezzo in b, il grifone recupera oradue punti sul lecce e vede la corsa alla salvezza con un pizzico di tranquillità in più, serviranno concentrazione e autostima per reggere il passo nelle prossime sei partite da infarto.

Tre è il numero perfetto e lo deve essere a maggior ragione per Claudio Ranieri: tre attaccanti mandati in campo a Udine, tre gol e tre punti fondamentali ai danni di una rivale ora raggiunta in classifica. Per i blucerchiati il colpo grosso a Udine vale un bel passo in avanti in chiave salvezza e un successo arrivato anche grazie a colpi da maestro delle sue punte.

Dopo il vantaggio friulano arrivato nel primo tempo con Lasagna nonostante un buon avvio della Samp, è proprio allo scadere della prima frazione che capitan Quagliarella, al rientro dopo quattro mesi, regala il pari con un classico destro al volo. Nella ripresa la gara molto tattica sembra avviarsi verso il pari, ma a non essere d'accordo è il giovane Bonazzoli, mandato in campo al posto di un acciaccato Ramirez: pallone che si impenna per un rimpallo e voila, ecco la rovesciata da figurina panini che non ti aspetti e sorpasso firmato. Per Bonazzoli fanno tre centri in stagione. In pieno recupero va a segno anche Manolo Gabbiadini, entrato al posto dello stesso Quagliarella. La punta di Ranieri aprofitta di un erroraccio della difesa friulana e batte Musso con un pregevole mancino a rientrare. In attesa del match del Torino, Ranieri ora guarda con fiducia alla classifica forte di tre successi nelle ultime quattro uscite e di una squadra molto convincente sin qui negli scontri diretti. A prosposito il prossimo arriverà nel derby della lanterna col Genoa, in arrivo tra tre gare esatte. Tre un numero che alla Samp porta decisamente bene.

 



Pubblicato il 13 / 7 / 2020

Articoli simili