Illuminazione pubblica a led entro il 2022

Scatta il 1° agosto il piano di riqualificazione degli impianti genovesi di illuminazione pubblica. I lavori, mirati al rinnovamento di 55.600 dei circa 58 mila punti luce della città, termineranno nella prima metà del 2022.

L’investimento complessivo è di 34 milioni di euro. L’efficientamento della rete porterà a una diminuzione di 6,9 milioni di euro l’anno sul costo dell’energia, per un risparmio considerevole nel medio-lungo periodo.

Con il passaggio alla tecnologia Led, l’Amministrazione stima una riduzione del 76% dell’energia necessaria all’illuminazione delle strade e dei marciapiedi cittadini. Un risparmio pari a 29.900 megawattora, corrispondenti a 14.442 mila tonnellate di CO2.

La rete dell’illuminazione pubblica cittadina consiste in circa 58 mila punti luce distribuiti lungo circa 1400 km di strade, da quelle ad alta intensità di traffico a quelle pedonali, passando per le cosiddette “creuze”.

Attualmente i punti luce a Led sono circa 2.500, circa il 4% del totale. La maggior parte delle lampade presenti sul territorio cittadino sono a vapori di mercurio a bassa pressione, al sodio ad alta e bassa pressione, ad alogenuri metallici, fluorescenti e ad incandescenza.

I LED (Light Emitting Diodes) sono piccole e robuste sorgenti luminose che combinano un’elevata efficienza energetica ad una lunga durata e offrono numerosi vantaggi: minore consumo energetico (sono al 90% più efficienti), durata decisamente più ampia (60 mila ore), ridotti costi di manutenzione e maggiore sicurezza, basso impatto ambientale.



Pubblicato il 31 / 7 / 2020

Articoli simili