Il M5S contro la nomina dei sottosegretari regionali

Il M5S, attraverso il capogruppo in regione Fabio Tosi dice un no secco alla nomina dei sottosegretari regionali.

“Una schifezza intollerabile, quella della nomina dei sottosegretari regionali, di fatto dei “mini-assessori” che questa Giunta vorrebbe introdurre avviando, in Consiglio regionale, un percorso per modificare lo Statuto. Una novità? Macché. Ci avevano già provato anche nella scorsa legislatura. E per spartirsi le possibili poltrone, si sono anche riuniti in un vertice di maggioranza dal quale, come il classico coniglio dal cilindro, ecco spuntare i nomi di chi non ce l'ha fatta a farsi rieleggere nell'ultima tornata elettorale”. Afferma Tosi. 

“Siamo in piena pandemia da ormai un anno. - continua -  Una crisi sanitaria che ha innescato una gravissima crisi economica e occupazionale. Per rispondere alla quale, la Giunta che fa? Pensa a sperperare milioni di euro per placare qualche mal di pancia nel centrodestra. O dovremmo forse dire “digiuno” per chi non è stato accontentato nella spartizione delle poltrone di questa XI legislatura. Se la Giunta e i partiti di maggioranza intendono portare avanti con una modifica statutaria del genere, allora vuol dire che la sonda ha trovato vita su Marte”.

“I più o meno 3 milioni di euro di spesa, qualora questa proposta prendesse vita e fosse effettivamente votata dal Consiglio regionale, sarebbero un vero e proprio schiaffo alle centinaia di migliaia di lavoratori che hanno perso il posto nella nostra regione e a tutte le attività che hanno visto crollare i loro fatturati anche del 80-90% in questo ultimo anno. Pensare a un'iniziativa del genere in questo momento storico è pura idiozia”, conclude.

 

 

 



Pubblicato il 22 / 2 / 2021

Articoli simili