Possibili misure restrittive sul ponente ligure per salvare il genovesato

Regione Liguria sta valutando la possibilità  di  eventuali  misure restrittive dopo Pasqua per il Ponente. Oggi il Presidente Guivanni Toti deciderà come procedere. Le misure restrittive nel ponente potrebbero scongiurare la zona rossa nel genovesato che è sotto l'indice di trasmsissibilità indicato peer il passaggio in rossa.  

Le province di Imperia e di Savona superano la soglia di rischio con rispettivamente 250 e 267 casi su 100mila abitanti su base settimanale, mentre Genova e la Spezia sono al di sotto dei 170 casi ogni 100mila abitanti. A livello ligure la situazione si attesta su 192 casi, sempre su 100mila abitanti. 

“Alla luce di questi dati, e della normativa che il Consiglio dei ministri sta varando in queste ore - afferma Giovanni  Toti - che prevede anche la necessità di intervenire, su base provinciale o di distretto sanitario, se si superano le soglie di rischio, dopo  l’approvazione del decreto  ci confronteremo con i direttori generali delle Asl e i sindaci per decidere come muoversi. Stiamo valutando alcune misure di contenimento, anche per dare fiato agli operatori sanitari che da più di un anno lavorano senza sosta in prima linea”.

Per quanto riguarda la ASL2,  l’incidenza del virus ha un andamento diffuso in tutta la provincia, non tanto con presenza di cluster. Ci  sono ancora ampi limiti di sicurezza sui posti letto ospedalieri sia di media intensità che di terapia intensiva. Sul fronte vaccinale  è stato superato il 70% degli ultraottantenni vaccinati in provincia di Savona.



Pubblicato il 1 / 4 / 2021

Articoli simili