Liguria In Azione per la tutela della costa ligure

Il partito di Carlo Calenda, in Liguria, ha iniziato la sua ttività di promozione e recupero del territorio.

In un comunicato stampa inviato alla nostra redazione focalizzano la loro attenzione sulla tutela delle nostre coste.

"La Liguria è forse l’unica regione d’Italia dove le competenze per la realizzazione delle opere per la difesa della costa, complice una legge regionale del 1999, è interamente attribuita ai sindaci. Quindi enormi responsabilità per i Comuni a fronte di scarsità di risorse regionali destinate a questo scopo, ad eccezione dei fondi che arrivano direttamente dalla Protezione Civile per mettere mano ai danni delle mareggiate degli ultimi anni. Aggiornare la legge regionale in materia di Difesa della Costa e degli Arenili"  Questa  la proposta lanciata dal gruppo Liguria Ambiente In Azione. 

Nell'anno  1998 il decreto legislativo 112 trasferiva la difesa della costa e il  ripascimento degli arenili dallo Stato alle Regioni che avrebbero dovuto, comne le proprie risorse, occuparsi del risamento delle coste. Regione Liguria però decise di trasferire trasferisce ai Comuni costieri l'ideazione e attuazione  degli interventi, mantenendo sulla Regione solo la promozione ed il coordinamento degli interventi, la loro approvazione ed il monitoraggio.

"Ma i Comuni costieri sono stati in grado in questi 22 anni di finanziare interventi così onerosi e di seguirne la progettazione e l’attuazione? Parrebbe di no, considerato il caso di Camogli, che è solo l’ultimo di una lunga serie." Continua Liguria in Azione. 

“E’ assolutamente necessario che anche in Liguria su questo tema vi sia una Regione forte, che pianifichi, programmi e progetti gli interventi di difesa della costa dall’erosione, e li attui attraverso risorse regionali che devono essere importanti e continuative al fine di realizzare opere che sono fondamentali per la nostra regione e per il turismo ligure. E sgravare in tal modo i sindaci liguri dei comuni costieri dalle pesanti responsabilità che incombono sui loro mandati”, dichiara Alessandro Scarpati, referente del gruppo Liguria Ambiente In Azione



Pubblicato il 15 / 4 / 2021

Articoli simili