Ponte Albiano: fondamentale sia per Liguria sia per Toscana

“Quest’opera è una ripartenza fondamentale per 2 regioni: per la Toscana dove sorge e per la Liguria e in particolare per il tessuto sociale e produttivo della provincia della Spezia. Vedere questo cantiere che riparte credo rappresenti un orizzonte di futuro per tante persone che lo hanno chiesto e aspettato anche più a lungo di quanto avrebbero dovuto. È un cantiere che dà speranza e fiducia a tutto il mondo produttivo di questo territorio, insieme ad un altro cantiere, quello a Ceparana delle rampe di collegamento con l’autostrada A12, che crea una soluzione in attesa della ricostruzione del ponte. Dopo un attimo di incertezza, abbiamo preso l’iniziativa e speriamo che quel modello Genova che ha portato fortuna alla Liguria funzioni anche qui”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti intervenuto  al sopralluogo presso il cantiere della ricostruzione del ponte di Albiano, crollato l’8 aprile 2020, e, successivamente, presso il cantiere per la realizzazione delle rampe di collegamento con l'autostrada A12 a Ceparana, insieme, tra gli altri, al viceministro delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili Alessandro Morelli, al Commissario straordinario per la ricostruzione Fulvio Maria Soccodato, al presidente della Regione Toscana Eugenio Giani. Presente anche l’assessore regionale alle Infrastrutture, Giacomo Giampedrone.

Il viadotto dovrebbe essere pronto entro la primavera del 2022. 

AP
“Le opere si fanno se le Istituzioni sanno collaborare – ha aggiunto Toti - Lo abbiamo dimostrato con il ponte San Giorgio di Genova e molte altre volte. Quando le Istituzioni sanno dialogare e lavorano per raggiungere l’obiettivo comune di dare una qualità della vita migliore a cittadini e imprese, le cose si fanno. C’è bisogno di farne tante, nella nostra regione se ne sono accumulate tantissime e penso ai cantieri autostradali. Occorre ora che tutti, a partire dalle concessionarie autostradali che tante inerzia hanno avuto sul nostro territorio, si rimbocchino le maniche, recuperino rapidamente quell’inerzia e abbiano il senso della gravità dei tempi e anche delle opportunità che ci sono per ripartire in fretta”. 



Pubblicato il 4 / 5 / 2021

Articoli simili