Sampdoria che Fatica! 3-2 contro l'Alessandria Quagliarella Trascinatore, Difesa da rivedere

ā€

La Sampdoria vince ma non convince. Infatti, di buono c'è solo il passaggio del turno e l'ennesima rete da fenomeno di Capitan Quagliarella. Ma partiamo con ordine: dopo soli otto minuti l'Alessandria segna la rete del vantaggio con Chiarello. Murillo sbaglia il passaggio per Ekdal, Casarini ne approfitta per servire il compagno che dalla distanza batte Audero. Il difensore colombiano pare non essere in serata dato che dopo due minuti viene battuto in velocità da Corazza che serve il numero 4. Questa volta però il centrocampista grigio sbaglia le misure spedendo la palla sul fondo. La Samp cerca la rete del pari e dopo una traversa di Jankto la trova al minuto 28 con un super gol di Fabio Quagliarella, il centesimo in maglia blucerchiata: Gabbiadini mette in mezzo all'area, il numero 27 si avventa sul pallone e di tacco al volo infila sotto l'incrocio.

 

Il primo tempo sembra destinato a chiudersi in parità, ma allo scadere Murillo si fa saltare da Arrighini in area di rigore costringendo Bereszynski al fallo. Il Var, se pur con qualche polemica, conferma il penalty. Corazza dal dischetto sigla il 2-1 Alessandria.

 

Il secondo tempo evidenzia la differenza di categoria tra le due squadre dato che i blucerchiati pareggiano subito con Gabbiadini dalla distanza: L’attaccante blucerchiato sfrutta un errore di Beghetto e batte Pisseri nell’uno contro uno. Il 3 a 2 non tarda ad arrivare, infatti al 53’ Thorsby, su cross di Candreva, stacca di testa indisturbato e spedisce la palla in rete. Entra Daamsgard al posto di Jankto, il danese, però si fa vedere solo al 78’ con un gran tiro che costringe al gran intervento il portiere alessandrino.

 

Da questo momento la Samp è sempre costretta a difendersi dalle incursioni dei piemontesi che continuano a cercare la rete del pareggio. Orlando va vicinissimo al 3 a 3 scheggiando la traversa da posizione favorevole. Entra De Paoli al posto di Murillo e all’84’ il neoentrato Torregrossa fa espellere Benedetti per doppia ammonizione. Nonostante lo svantaggio numerico i piemontesi continuano ad attaccare e chiamano spesso in causa la difesa blucerchiata, soprattutto all’87’, quando Chabot sbaglia un passaggio servendo Orlando in area, ma De Paoli gli nega il tiro con un grande intervento in chiusura. Prima del fischio finale occasione per Caprari che potrebbe trovare il Gol del 4-2 ma il suo tiro viene deviato in angolo. Partita che farà riflettere in ottica Milan e mercato. da rivedere la coppia di centrali Murillo-Chabot. A dicembre i sedicesimi contro il Torino.



Pubblicato il 17 / 8 / 2021

ā€

Articoli simili